CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

21.12.2017

Lorena è campionissima Il 2017 la incorona più volte

Si è appena conclusa la stagione 2017 e sarà indimenticabile per Lorena Zocca, nome ormai noto nella mountain bike veronese. Zocca quest’anno ha superato ogni più rosea aspettativa, andando a conquistare uno dopo l’altro una serie impressionante di titoli a livello nazionale ed internazionale. Per ben quattro volte l’atleta di Bussolengo ha regalato grande emozione facendo risuonare l’Inno di Mameli dall’alto del gradino più alto del podio: l’ultima in ordine di tempo, in occasione del Campionato Europeo Master Marathon, disputatosi il 13 agosto a Svit, nella parte più orientale della Slovacchia. Al termine di una gara impegnativa, corsa su un tracciato di 78 chilometri e 2.400 metri di dislivello, reso ancor più duro dalle avverse condizioni meteorologiche, Lorena si è aggiudicata il titolo continentale assegnato dalla UEC sulla lunga distanza per la categoria MW2. In precedenza, tornando in ambito nazionale, nel mese di luglio è riuscita a bissare l’impresa del 2015, centrando il titolo italiano FCI, prima nella specialità Marathon categoria MW2 e a soli 8 giorni di distanza anche nella specialità olimpica dell’XCO. Queste le parole di Lorena, ancora emozionata nonostante si trattasse per lei della sesta maglia tricolore in carriera: «La collocazione del titolo italiano Marathon, solo una settimana prima di quello XC, mi ha impedito di preparare al meglio due specialità così diverse tra loro, ma ho voluto comunque presentarmi al via di entrambe le rassegne tricolori e la mia scelta è stata premiata alla grande». Il Campionato italiano Marathon si è corso in Val di Sole a Malè, il 16 luglio, ed è stata una gara lunga ed impegnativa da gestire, di 70 chilometri e ben 2.900 metri di dislivello. Qui Lorena ha letteralmente volato in discesa, stabilendo anche il terzo miglior tempo assoluto (élite comprese) nella prova speciale cronometrata e, con una buona gestione nel resto di gara e nelle lunghe salite, è riuscita a primeggiare precedendo specialiste sulla long-distance provenienti da tutta Italia. Per l’Italiano XC corso la domenica successiva si è dovuta spostare in Liguria, sui rilievi appena sopra la città di Genova. Qui, sapendo di potersi giocare le carte migliori nella specialità a lei più congeniale, Lorena ha corso una gara di testa dall’inizio alla fine, imponendosi con autorevolezza e togliendosi la grande soddisfazione di tagliare il traguardo sventolando il tricolore ed indossando nel contempo la maglia iridata di campionessa del mondo. Infatti il primo titolo stagionale, sia in ordine temporale che per importanza, Lorena l’aveva già conquistato il 21 giugno nel Principato di Andorra: questo l’appuntamento che già dalla preparazione invernale aveva cerchiato in rosso sul suo calendario, con il preciso obbiettivo di rifarsi dopo aver sfiorato il successo nell’edizione 2016, disputatasi in Italia. La trasferta sui Pirenei si è rivelata molto impegnativa, così come il percorso tecnico e selettivo, a 1.900 metri: Lorena è stata l’unica atleta a rappresentare l’Italia nella propria categoria e al termine di una gara perfetta si è imposta in solitaria su un nutrito gruppo di avversarie provenienti da America, Australia, Gran Bretagna, Svezia, Francia e Spagna solo per citarne alcune, raggiungendo l’apice di una carriera costruita con anni di impegno, duro lavoro e costanza. La maglia iridata di campionessa del mondo Master da quella data, è sulle sue spalle e già da ora Lorena promette battaglia alle avversarie che vorranno sfidarla nella prossima rassegna mondiale che si correrà nella medesima località dal 15 al 18 Luglio 2018. • L.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1