Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 18 settembre 2018

L’Avis di San Vito oggi festeggia i suoi donatori

L’Avis di San Vito al Mantico celebra oggi la sua 45esima Festa del donatore. «Quasi mezzo secolo di attività», sottolinea il presidente Maurizio Mascanzoni, «con l’obiettivo primario di incrementare sempre più il numero dei donatori. Un traguardo, questo, raggiunto con il lavoro di tutti, i presidenti e i direttivi che negli anni si sono susseguiti e che hanno dedicato tutte le loro energie per gli obiettivi che lo statuto dell’associazione pone come obiettivo primario: il dono del sangue anonimo e gratuito». «Il nostro pensiero corre», continua Mascanzoni, «con riconoscenza e stima a tutti i presidenti che negli anni si sono alternati alla guida dell’associazione: il fondatore cavalier Sergio Perusi, Guido Gamberoni, Claudio Perusi fino ad arrivare ai giorni nostri. Il lavoro svolto nell’ultimo periodo sta dando buonissimi frutti che si vedono nel numeroso gruppo dei nuovi iscritti nell’ultimo anno e che hanno effettuato la prima donazione». I nuovi donatori sono 17: Barbara Arietti, Ilenia Cacciatori, Silvia Dal Barco, Lisa De Nardi, Leonardo Ferrari, Luca Ferrari, Luca Freoni, Ketyona Hoxha, Mirko Ledro, Carlo Maraia, Gioele Moniga, Martina Paroni, Michele Perusi, Alessio Perusi, Tobia Rossetto, Rossella Terribili, Silvia Tricol. I premiati della giornata saranno: con 8 donazioni, Cristian Cacciatori, Antonio Cagliari, Alessandro Simeoni, Rita Castelletti. Con 16 donazioni Alessandra Girardi; con 24 donazioni Andrea Ferrari, Andrea Capra, Marco Metrano, Emanuela Baciga. Con 50 donazioni, Stefano Padovani; con 75 donazioni, Marco Albrigo. Conclude Mascanzoni: «L’augurio mio è che si possa lavorare con il consiglio in sinergia e collaborazione, come fino ad ora fatto, per poter raggiungere risultati sempre più ambiziosi per la sezione Avis». •