CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

04.02.2018

Il grande viaggio «con gli occhi» al Parco Natura Viva

In attesa della riapertura dei cancelli, programmata per il 3 marzo, il Parco Natura Viva si offre a visite virtuali, sia da desktop che da smarthfone, con una nuova prospettiva, dall’altro, dei 42 ettari di area protetta della biodiversità, animale e vegetale, sulle colline moreniche di Bussolengo e Pastrengo. La realizzazione è frutto del lavoro di 10 giorni sul campo e diverso tempo di post-produzione per montare le immagini scattate da un drone con fotocamera sferica a 360 gradi, ad altissima definizione, pilotato da terra da due operatori. Il risultato ottenuto premia la fatica perché anche a Parco chiuso, o a migliaia di chilometri di distanza, è possibile apprezzare da una nuova prospettiva la ricchezza della biodiversità custodita nell’area. Si può partire ad esplorare dall’indirizzo www.parconaturaviva.it, con un volo virtuale che regala la sorpresa di sorvolare querce, ornielli e carpini, 4mila alberi, ultimi testimoni degli antichi boschi delle colline del Garda; si può scendere a terra e incamminarsi per i sentieri, con il vantaggio di passare da un’area all’altra con un semplice tocco dello schermo, osservando i diversi reparti e quale, allo scatto, si sia incuriosito dalla fotocamera o ne sia stato inconsapevole «preda» fra i 1.500 animali ospitati. Durante la «visita» infatti si incontreranno bisonti, fenicotteri, antilopi e leoni che si sono fatti vedere, mentre altri animali sono rimasti rintanati e altri ancora giocano a rimpiattino, sfidando l’esploratore in una «virtuale caccia alla specie». «Non è stato semplice collegare le 150 “fotosfere” selezionate per ricomporre il puzzle dell’intera estensione, anche perché la copertura arborea autoctona ha reso difficile, persino al drone, vedere gli animali tra le fronde», dice Maria Ordinario, direttore marketing e comunicazione del Parco Natura Viva, «ma con questa iniziativa siamo in grado di offrire, sia per la parte pedonale, sia per quella del Safari, che altrimenti si potrebbe visitare solo chiusi nella propria auto, un’esperienza di visita virtuale che è diventata attrazione e occasione originale per conoscere e informarsi. Il Parco riaprirà il 3 marzo ma nel frattempo la tecnologia ci mette a disposizione una visita gratuita, da una prospettiva insolita», conclude. • V.Z.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1