CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

09.10.2018

Addio a Benaglio Era la voce della memoria

Giovanni Benaglio
Giovanni Benaglio

È venuto a mancare nel tardo pomeriggio di sabato Giovanni Benaglio, poeta di San Giovanni Lupatoto. Aveva 69 anni e da circa un anno combatteva con la malattia. Si è spento all’ospedale di Marzana dove era ricoverato da alcune settimane, dopo l’aggravarsi delle sue condizioni. In molti in paese e nel Veneto piangeranno la sua scomparsa sia per lo spessore della persona sia per quello di letterato. Mancherà anche la sua partecipazione ai concorsi di poesia di Verona e del Triveneto, nei quali spesso si accaparrava il primo posto. Gli ultimi due importanti successi in campo poetico sono stati, esattamente un anno fa, il primo premio assoluto alla ventunesima edizione del concorso Grappolo d’oro 2017 di Bardolino per la sezione dialettale e, pochi giorni dopo, il primo premio anche al concorso triveneto Mario Bernardi di Oderzo. Poi Benaglio aveva scelto il silenzio e la scrittura di testi nel chiuso del suo studio e a chi gli chiedeva notizie sulla sua produzione artistica rispondeva: «Le cose sofferte sono le più belle». Benaglio non era soltanto un premiatissimo poeta (aveva iniziato nei primi Anni Ottanta, poi si era aggiudicato il premio Burchiello, nel 2007 aveva vinto a Offida, nelle Marche, il concorso nazionale Premio Rabelais e sempre nel 2007 si era aggiudicato il primo premio nella sezione satira nel concorso Aque slosse di Bassano, mentre nel 2013 aveva conquistato un primo posto con una poesia in dialetto veronese al premio nazionale Ischitella) ma anche uno scrittore di vaglia. Ex funzionario bancario residente in viale Olimpia, teneva anche seguitissimi corsi sulla cultura popolare alla Libera Università Lupatotina. Le sue lezioni erano mirate all’approfondimento del significato storico e del senso culturale del dialetto, anche in chiave di recupero delle radici e dell’identità del territorio. Lo scrittore e studioso di tradizioni contadine Dino Coltro, nel 2008, presentando il libro di Benaglio Péste parla del dialetto usato da Benaglio come «di una cosa che splende nell’attuale produzione poetica» e afferma che il libro gli ricorda di primo acchito Spoon River. Si trattò di un riconoscimento importante per il linguaggio impiegato da Benaglio che usava vocaboli antichi, spesso arcaici e poco ricorrenti nella normale parlata, ma che evocano un mondo dalla solide radici che non è mai del tutto scomparso. Giovanni Benaglio si cimentò con successo anche come scrittore dedicando due libri alla frazione zeviana di Santa Maria, di cui era originario. Il primo del 2011 si intitola Paese in trincea - Santa Maria di Zevio tra le due guerre mondiali; il secondo era dedicato a Santa Maria e fornisce un gustoso spaccato (ricostruito dai ricordi del padre Giacinto) della realtà, abitazione per abitazione, della località a cavallo fra il 1925 e il 1935. Nel gennaio 2017 Benaglio fece da autore e regista a una rappresentazione teatrale in dialetto presentata dagli allievi del suo corso di cultura popolare elaborata intitolata Ci n’à cunà, bozzetti di vita quotidiana incardinati sui detti tipici della nostra terra. Nel 2001 aveva reso pubblica una poesia su Verona matrigna nei confronti di San Giovanni Lupatoto per la volontà di realizzare l’inceneritore di Ca’ del Bue e quella di non concedere la sede di un istituto scolastico superiore. Per questa poesia aveva raccolto le congratulazioni dell’ allora sindaco Severino Betti. Benaglio lascia la moglie Dirna, il figlio Alessio con moglie e il nipotino Mike. I funerali domani alle 10.30 nella chiesa di Pozzo. •

Renzo Gastaldo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1