CHIUDI
CHIUDI

15.03.2019

Violenza sulle donne Seminario aperto con medici e esperti

Gianoaolo Trevisi
Gianoaolo Trevisi

«Donne fiori recisi» è il titolo del seminario di studio e ricerca dedicato al contrasto della violenza contro le donne, in programma per oggi, dalle 8.30 alle 13, nell’aula magna della Scuola allievi agenti della Polizia di Stato di Peschiera del Garda. Il convegno è organizzato dal gruppo comunale Avis e dalla sezione dell’Anps (l’Associazione nazionale Polizia di Stato) di Peschiera del Garda, con il patrocinio del Comune. Ad ingresso libero, è aperto a tutta la cittadinanza e in particolare ad associazioni, servizi sociali territoriali, scuole, studi legali e appartenenti alle forze dell’ordine. Molti e diversificati gli interventi in programma, tutti condotti da professionisti che, partendo da diversi approcci e sensibilità, offriranno spunti per comprendere e prevenire il fenomeno della violenza sulle donne. Rapporto tra felicità e neuroscienze, investigazione privata come risorsa e prevenzione, l’ascesa stalking-bullismo-cyberbullismo-femminicidio e la prevenzione degli atteggiamenti violenti, sono solo alcuni dei temi che verranno trattati per affrontare il complesso fenomeno della violenza di genere. Ne parleranno gli psicologi e psicoterapeuti Roberto Bondavalli e Michele De Beni, l’avvocato Cesare Triberti (coautore del libro «Donne fiori recisi»), l’ispettore superiore della Polizia di Stato in congedo Roberto Oselini e l’ispettore superiore Luca Zardi, responsabile della Polizia postale di Mantova, la cantante Debora Quattrini e l’insegnante di yoga Renata Giuzzi, il direttore della Scuola di Polizia di Peschiera Gianpaolo Trevisi, per concludere con il punto di vista cristiano offerto da don Luigi Trapelli, cappellano della Polizia di Stato di Verona e parroco di San Benedetto di Lugana. •

K.F.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1