CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.11.2017

Venduti all’asta
gli ex magazzini
del Genio militare

Foto aerea degli ex magazzini diffusa dall’Agenzia del demanio
Foto aerea degli ex magazzini diffusa dall’Agenzia del demanio

È stata aggiudicata con asta pubblica la vendita dei magazzini di proprietà demaniale affacciati su via Borgo Secolo a Peschiera del Garda. Dopo anni di attesa, potrebbe così essere vicina la svolta per la vasta area di circa 23mila metri quadrati a ridosso del centro storico, su cui si trovano sette grandi capannoni un tempo utilizzati dal Genio militare. Il bando di gara è stato curato dall’Agenzia del demanio: l’asta è stata aggiudicata per tre milioni 311mila euro, su una base di partenza fissata in due milioni 481mila euro. L’aggiudicazione è provvisoria, in attesa che vengano espletate le verifiche di legge sulla società vincitrice, la Dalmo srl. «È il risultato di un lavoro di sinergia portato avanti con il Comune per definire la soluzione migliore per valorizzare l’area», spiegano dall’Agenzia del demanio, «si tratta di uno dei primi esempi virtuosi di applicazione dell’articolo 26 dello Sblocca Italia (legge 164/2014, ndr), attraverso cui è stato possibile arrivare a un accordo di programma con l’amministrazione comunale per definire in tempi rapidi e certi il futuro della zona».

Dalla vendita dei beni anche il Comune ricaverà un discreto gruzzolo: si parla di una variabile tra l’8 e il 15 per cento del prezzo di aggiudicazione, che verrà stabilita quando il passaggio di proprietà al privato diventerà definitivo. Nella migliore delle ipotesi l’ente locale potrebbe vedersi riconosciuti quasi 500mila euro.

«Sono contenta che la gara sia andata a buon fine», commenta la sindaca Maria Orietta Gaiulli, «mi auguro si possa iniziare in fretta la sistemazione della zona, preziosissima per la sua posizione e oggi trascurata. Il mio auspicio è rivolto alla riqualificazione di via Borgo Secolo e della viabilità connessa, che porterà vantaggio all’intero paese ma soprattutto al quartiere che sull’altro lato della strada è bello e ordinato». A fine 2016 l’amministrazione guidata da Gaiulli ha approvato una variante al Piano degli interventi che per la zona di Borgo Secolo ha previsto una diminuzione della volumetria residenziale concessa in precedenza, passata da 24mila a 16mila metri cubi. A fronte della riduzione, è stato tolto il vincolo di realizzare edilizia residenziale pubblica, cioè con prezzi di vendita più bassi rispetto a quelli di mercato. «Abbiamo chiesto all’Agenzia del demanio la possibilità di ridurre il volume», ricorda Gaiulli, «perché con l’indice di edificabilità precedente sarebbero stati realizzati circa 90 appartamenti distribuiti in tre grandi condomini, con un impatto notevole anche sulla viabilità. In cambio abbiamo concordato la realizzazione di edilizia libera anziché convenzionata».

Come anticipato, a carico della società aggiudicataria ci sarà anche il miglioramento della viabilità attraverso l’allargamento di via Borgo Secolo, la realizzazione di una rotatoria in prossimità del ponte sulla ferrovia e di una nuova strada di collegamento al parcheggio comunale vicino al campo sportivo. Nel 2010 il compendio era entrato a far parte del protocollo d’ intesa sottoscritto dall’ Agenzia del demanio e dal Comune per la valorizzazione anche di altri beni demaniali siti sul territorio: l’area di Borgo Secolo avrebbe dovuto essere acquisita dal Comune, disposizione che in questi anni non è però stata attuata. Nel frattempo, nell’estate 2015, l’Agenzia del demanio ha sostenuto i costi per la bonifica dal cemento amianto presente sulle coperture dei capannoni.

Katia Ferraro
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1