CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

15.11.2017

Vendita di beni pubblici
Caso sul tavolo dei ministri

Bastione Cantarane, parte delle mura veneziane, a Peschiera
Bastione Cantarane, parte delle mura veneziane, a Peschiera

La deputata veronese del Movimento 5 Stelle Francesca Businarolo ha presentato un’interrogazione ai ministri dell’Economia e dei Beni e delle attività culturali sui progetti di finanza proposti al Comune di Peschiera del Garda dalle società Serenissima SGR e Yousave spa. Nel primo caso si tratta di un progetto che riguarda la creazione di un fondo immobiliare in cui confluirebbero beni strategici di Peschiera: quelli oggi di proprietà di Cassa depositi e prestiti (caserme La Rocca e XXX Maggio e Padiglione degli ufficiali) oltre all’attuale scuola media su lungolago Garibaldi, che il Comune cederebbe in cambio della realizzazione di un nuovo edificio vicino alle elementari in località Porto Vecchio, su un terreno che lo stesso ente pubblico dovrebbe acquisire. Anche l’ex casa di riposo Gandini rientrerebbe in questo «affare» per essere demolita e ricostruita a spese del fondo immobiliare, rimanendo di proprietà pubblica.

Il progetto di Yousave spa riguarda invece l’efficientamento energetico e la gestione dell’illuminazione pubblica, che verrebbe data in gestione esterna per 18 anni, con un canone a carico del Comune la cui base d’asta (soggetta a ribasso) parte da 940mila euro all’anno. Nell’interrogazione, Businarolo ricorda non solo il recente inserimento da parte dell’Unesco della fortezza di Peschiera nella lista dei patrimoni mondiali dell’umanità all’interno del sito transnazionale denominato «Le opere di difesa veneziane tra il 16° e 17° secolo», ma anche «la raccomandazione in base alla quale il Comune dovrà relazionare all’Unesco, entro il primo dicembre 2019, in merito all’integrazione nel patrimonio delle fortificazioni più tarde, ovvero quelle del periodo asburgico, al fine di riconoscere la coerenza tattica del sito militare nel suo stadio finale».

Businarolo ricorda anche l’istituzione della commissione d’indagine chiesta da tre consiglieri di minoranza per far luce sui progetti e chiede ai ministri «quali azioni, ciascuno secondo la propria competenza, intendano porre in essere al fine di impedire qualsiasi operazione che pregiudichi, attraverso una vera e propria “svendita”, la salvaguardia del patrimonio immobiliare e paesaggistico del Comune di Peschiera del Garda».K.F.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1