Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 21 settembre 2018

Rotonda dedicata a chi portò in alto il vino Lugana

La rotatoria di San Benedetto dedicata a Sergio Zenato FOTO AMATO

La nuova rotatoria di San Benedetto di Lugana (Peschiera del Garda) è stata dedicata alla memoria di Sergio Zenato, imprenditore che negli anni Sessanta fondò in via San Benedetto (a pochi passi dalla rotatoria) l’azienda vitivinicola che porta il suo nome e quello della sua famiglia. L’intitolazione con targa e la benedizione del parroco don Luigi Trapelli è avvenuta nel giorno della ricorrenza del decimo anniversario della sua morte, alla presenza dell’amministrazione comunale, dei familiari e di tanti cittadini. «Sergio Zenato ha portato il nome di Peschiera del Garda in tutto il mondo e ha contribuito a rendere grande la nostra comunità», ha sottolineato la sindaca Orietta Gaiulli ricordando le doti imprenditoriali di Zenato, ma anche la sua generosità verso chi aveva bisogno. «Per noi è stato papà, maestro, esempio di vita e di tenacia nel raggiungere gli obiettivi, ci sentiamo suoi portavoce», ha sottolineato la figlia Nadia parlando anche a nome del fratello Alberto e della mamma Carla. Sergio Zenato iniziò la sua attività imprenditoriale rendendo produttivi alcuni terreni agricoli del padre. «Era dotato di grande lungimiranza e voleva far conoscere il suo territorio, sogno che riuscì ad avverare anche grazie al carisma e alla simpatia che lo rendevano unico», ha aggiunto Nadia. «Iniziò quando ancora la cultura del vino non era diffusa e il Lugana era sconosciuto in Italia e nel mondo. In questo senso fu un pioniere. La nostra fu infatti la prima azienda ambasciatrice del Lugana all’estero». •