CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.01.2017

Meno fondi per il sociale
Colpita anche la scuola

Il municipio di Peschiera
Il municipio di Peschiera
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenta

Bilancio di previsione 2017 al ribasso per il Comune di Peschiera, che deve fare i conti con una minore entrata di 860mila euro, pari ai minori trasferimenti del gettito Imu preventivati dallo Stato.

La decurtazione si è tradotta in tagli ai vari capitoli di bilancio, al centro del Consiglio comunale di fine anno. Riflettori puntati sul settore sociale per cui, al momento e sulla carta, sono stati ridotti 200mila euro, tra i quali 40mila euro in meno di contributi per la scuola.

«Nel 2016 l’importo per il sociale è stato di 2 milioni e 300mila euro», sottolinea a margine del Consiglio l’assessora al Bilancio Daniela Florio per far capire «la portata della riduzione che, seppur sostanziosa, incide per l’8 per cento. I servizi essenziali sono stati mantenuti, abbiamo ridotto gli stanziamenti per i contributi, come quelli per affitti e bollette, per le associazioni e quelli per finanziare progetti scolastici extra».

Il taglio ha colpito anche altri capitoli: «Meno 72mila euro per turismo e manifestazioni culturali, 80mila per ecologia e interventi a tutela del territorio, 190mila per manutenzione di parchi, giardini, spiagge e strade», elenca Florio. Ma è nell’ambito del sociale, in particolare della scuola, che l’opposizione si è fatta sentire. L’ex assessora al Sociale Mirjana Stampfer, passata in minoranza, ha chiesto garanzie sul fatto che non vengano aumentate le rette scolastiche o i costi dei servizi mensa e scuolabus, e che le eventuali maggiori entrate rimpinguino in via prioritaria i progetti scolastici. Stessi timori per la capogruppo di Voce ai cittadini Giuditta Bolognesi, che ha ribadito la necessità di ridurre spese giudicate superflue (ha ricordato i fuochi artificiali di San Martino, costati il doppio dopo essere stati affidati in extremis a un’altra ditta).

La sindaca Maria Orietta Gaiulli ha respinto le osservazioni di Bolognesi perché riferite a spese che non incidono sull’anno appena iniziato, giudicando invece «condivisibile» quanto affermato da Stampfer. «Ho spiegato il taglio alla dirigente scolastica e ai rappresentanti del consiglio d’istituto», ha detto Gaiulli, «e spiegato che sarà mia cura far sì che i primi denari a disposizione rifocillino quel capitolo». Presentando il bilancio Florio ha attaccato i sempre più risicati trasferimenti statali del gettito Imu ai Comuni. «Ogni anno i cittadini di Peschiera versano allo Stato 5.650.000 euro, di cui il Governo trasferisce una vergogna», ha accusato. K.F.

Suggerimenti

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il progetto del traforo è stato ridotto (niente camion e una sola canna). Tu cosa faresti?
Facciamo il traforo corto
ok