CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

08.07.2018

La scrittrice Altaras presenta il suo libro «Gli occhiali di Tito»

Tutto pronto alla Biblioteca di Castello di Brenzone che ospiterà domani alle 20.45 la scrittrice Adriana Altaras. «Sinceramente», ha spiegato Luigi Perotti, uno dei più assidui frequentatori della biblioteca intitolata a Daniele Vangelista, un giovane di Brenzone scomparso alcuni anni fa, «non conoscevo questa scrittrice prima che una persona, amica dell’autrice, mi contattasse per rivelarmi che Adriana sarebbe stata disponibile a venire sul lago di Garda a presentare il suo libro». Poi la scoperta: il volume Titos Brille (gli occhiali di Tito) è stato per più di 10 settimane nella classifica dei bestseller di narrativa del settimanale tedesco «Der Spiegel» e, solo in Germania, ha venduto qualcosa come 150 mila copie», hanno spiegato dalla Biblioteca. «Siamo rimasti senza parole e subito ci siamo informati su chi fosse Adriana Altaras: una autrice di livello internazionale, che ha saputo raccontare in modo fresco la resistenza contro i nazisti fino al comunismo di Tito, dalla fuga verso l’Italia fino all’arrivo della famiglia a Giessen, in Germania negli anni ’70». «In questi due anni», ha proseguito Perotti, «abbiamo cercato, insieme ai volontari, che sono l’anima della Biblioteca di Castello, di organizzare delle serate e, finora, ne abbiamo fatte oltre cento. Abbiamo avuto anche diversi autori che stanno cominciando ora a farsi conoscere e hanno riscosso un buon successo, ma è la prima volta che ospitiamo una scrittrice che ha già ottenuto successo a livello internazionale». La Altaras, nata a Zagabria, è arrivata in Italia nel 1964. «Adriana Altaras è una persona molto disponibile, un vulcano, sarà lei stessa a parlare del libro, sia in italiano che in tedesco: la serata è quindi aperta anche ai turisti tedeschi, ospiti nei nostri alberghi», hanno chiuso da Castello. •

G.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1