CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.01.2018

La ristrutturazione parte dal Padiglione A

L’ospedale di Malcesine in Val di Sogno
L’ospedale di Malcesine in Val di Sogno

Domani sarà una giornata importante per l’ospedale di Malcesine, specializzato nella cura degli esiti tardivi della poliomielite. Alle 10.30 è prevista l’inaugurazione del secondo piano del padiglione A ristrutturato, su cui sono stati eseguiti profondi lavori di manutenzione e messa a norma. Al taglio del nastro nella struttura di Val di Sogno saranno presenti tra gli altri l’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto, il direttore generale dell’Ulss 9 Pietro Girardi, il sindaco di Malcesine Nicola Marchesini, la presidente dell’Aidm, Associazione interregionale disabili motori, Denis Montagnoli, oltre ad altri amministratori gardesani. Verranno presentati i lavori di adeguamento e messa a norma del padiglione A del secondo piano; ma si parlerà anche delle opere propedeutiche alla riqualificazione tecnologica degli impianti di condizionamento, a loro volta realizzate in questo periodo. Si tratta del primo passo per l’adeguamento e messa in sicurezza di tutto il padiglione A e che fa seguito ai lavori, di cui si è già dato conto, di ristrutturazione della piscina. Riguardo all’intervento di riqualificazione della struttura ospedaliera di Malcesine è intervenuto il consigliere regionale del Cdv, Centro Destra Veneto, il veronese Andrea Bassi: «Me ne rallegro per il bene dell’alto Garda e perché, una volta tanto, seppur dopo quattro anni, questa promessa è stata mantenuta». Il consigliere ha aggiunto: «Chiedo che non venga abbassata la guardia e che si cerchi di rendere la struttura il più competitiva possibile». Il riferimento è alla funzione sanitaria che il centro mantiene soprattutto d’estate, data la forte presenza turistica sul lago, e alla vocazione riabilitativa. «Ben venga l’inaugurazione a Malcesine», conclude Bassi, «ma sia un punto di partenza, occasione per l’assessore Coletto e per il dg Girardi di dire alla popolazione dell’alto lago e agli operatori turistici che accolgono circa 12-13 milioni di turisti l’anno, che la scelta di investire su questo presidio sanitario è strategica». • EM.ZAN.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1