CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

27.12.2017

L’imposta di soggiorno all’esame del Consiglio

Tutto pronto a Brenzone per l’ultimo consiglio comunale del 2017. L’appuntamento è per domani alle 20.30 nella sala civica del municipio e l’amministrazione guidata dal sindaco, Tommaso Bertoncelli, dovrà affrontare le classiche incombenze di fine anno in confronto con la minoranza del capogruppo Davide Benedetti. Tra i nove punti all’ordine del giorno ci sono anche le «modifiche al regolamento comunale dell’imposta di soggiorno», le cui tariffe, a carico dei turisti che soggiornano a Brenzone, in teoria sarebbero «blindate» fino a fine mandato amministrativo, cioè fino a metà del 2019. Gli undici amministratori di maggioranza e opposizione dovranno poi affrontare i nodi delle aliquote dell’Imu e della Tasi, la tassa sui servizi indivisibili. Da tempo la minoranza chiede il calo delle tasse o delle imposte visto il «miglioramento dei conti rispetto ad inizio mandato». In particolare, più volte la consigliera Michela Donatini aveva chiesto «un segnale per i cittadini visto che ora in cassa ci sarebbero le disponibilità per darlo». Da ultimo, ma ovviamente il primo come importanza, l’esame del bilancio di previsione 2018-2020. Ma a che punto è l’iter della ciclopista, l’opera più importante per i prossimi anni per il Comune e divenuta lotto autonomo rispetto a Malcesine? Le ultime notizie risalgono a fine settembre. Nei mesi scorsi, il vicesindaco aveva ufficializzato l’impossibilità di rispettare il termine per dare in appalto l’opera e, per non perdere i soldi dell’opera, erano state ottenute due proroghe dall’ex-Odi. Costo della ciclopista: 17 milioni e 354 mila euro di cui 5 milioni e 570 destinati solo al tratto di Brenzone. • G.M.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1