CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

01.11.2017

Il primo tratto della ciclabile
correrà lungo la riva del lago

Luca Sebastiano, Alberto Tomei e altri amministratori durante la presentazione  FOTO PECORA
Luca Sebastiano, Alberto Tomei e altri amministratori durante la presentazione FOTO PECORA

Entro l’inizio della prossima stagione turistica il Comune di Lazise avrà riqualificato un chilometro di pista ciclopedonale in riva al lago, nel tratto che dalla zona sud del porto di Pacengo arriva fino a località Ronchi in territorio di Castelnuovo del Garda. Si tratta dei primi mille metri dei circa otto chilometri di costa in territorio lacisiense, perlopiù sterrati o coperti di sabbia davanti alla decina di campeggi che si affacciano sul litorale. La notizia, già trapelata nell’ultimo Consiglio comunale, è stata ufficializzata ieri mattina nella conferenza stampa in municipio assieme ai vertici di Azienda gardesana servizi (Ags), a cui il Comune ha affidato la progettazione dell’opera.

È questa la novità che si aggiunge alla realizzazione del primo tratto di ciclopedonale sul lungolago attesa da tempo: Lazise sarà infatti uno dei primi paesi a usufruire dei servizi aggiuntivi (in questo caso di progettazione) che Ags, azienda partecipata da venti Comuni gardesani per cui gestisce acquedotti e fognature, sta predisponendo per ampliare la propria offerta. «L’opera sarà cantierabile in tempi brevissimi grazie alla sinergia con Ags, a cui abbiamo affidato la progettazione circa tre mesi fa», ha esordito il sindaco Luca Sebastiano, con al fianco il suo vice Eugenio Azzali e gli assessori Barbara Zanetti e Fulvio Ziviello. «Portiamo avanti la passeggiata ciclopedonale iniziata da Castelnuovo ed entro la fine del mandato amministrativo (che scadrà la prossima primavera, ndr) puntiamo a realizzare un altro tratto nell’entroterra», ha aggiunto il primo cittadino riferendosi a una porzione di ciclopedonale verso località Greghe. La porzione lungo il lago ha un costo complessivo di 300mila euro, di cui 235mila per i lavori e il resto per spese tecniche e Iva. Diventerà parte del futuro anello ciclabile del Garda, per cui sono previsti stanziamenti statali e regionali, ma questo chilometro sarà finanziato dal Comune: la somma arriva dalla perequazione ottenuta dalla convenzione urbanistica con la società Quellenhof srl, che realizzerà un hotel cinque stelle in via Terminon.

L’ingegner Michele Cimolini ha fornito qualche dettaglio: il materiale del sentiero sarà un conglomerato cementizio drenante e fonoassorbente, di colorazione simile alla strada sterrata attuale; tutto il chilometro di percorso sarà largo tre metri e intervallato da faretti a led. Il presidente di Ags Alberto Tomei ha focalizzato l’attenzione sul nuovo ruolo di Ags per i venti Comuni soci: «Vogliamo offrire servizi aggiuntivi oltre al ciclo integrato dell’acqua, come la progettazione e la futura manutenzione delle ciclabili. Per questo stiamo predisponendo un’analisi delle piste esistenti: se le amministrazioni daranno il consenso, sarà possibile una loro gestione unitaria per valorizzare al meglio il lago e l’entroterra».

Sottolineato il vantaggio economico della collaborazione con Ags: «C’è una riduzione significativa delle tariffe professionali per il progetto», ha rimarcato il vicesindaco Eugenio Azzali. Aspetti su cui ha puntato anche il direttore di Ags Carlo Alberto Voi, portando Lazise come «uno dei primi esempi di collaborazione fattiva tra Comuni e Ags, che consente ai primi di risparmiare e alla seconda di far crescere la professionalità dei tecnici».

Katia Ferraro
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1