Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 25 settembre 2018

Discoteca abusiva in località Prati Promotori nei guai

La consolle a disposizione del Dj alla festa di PratiI cartelli con le bevande alcoliche a disposizione degli invitati

Avevano organizzato tutto alla perfezione. C’era la cassa all’ingresso con un biglietto di 15 euro da pagare, la lista dei 140 invitati, il dj con tanto di cartellone pubblicitario con il suo numero di cellulare, la consolle, l’impianto stereo, un bancone del bar con un mix di bevande da far invidia alle migliori discoteche con Verdone, Pesquito, Gin Lemon e alcolici aromatizzati. Un’organizzazione perfetta, una festa tra natura e alcol da sogno con un solo, «piccolo» difetto: non era stata autorizzata. E così per i 140 invitati alla festa di domenica notte in località Prati, vicino a Lazise, la serata si è conclusa inaspettatamente poco dopo la mezzanotte, grazie all’intervento degli agenti della polizia locale, guidati dal comandante Massimiliano Gianfriddo. Sono stati loro a far cessare le danze una volta arrivati in quella località a poche centinaia di metri dal vicino Bed and breakfast. È finita ancora peggio per il promotore della serata: L.F., 21 anni dovrà rispondere in tribunale dei reati di spettacolo e intrattenimenti pubblici senza licenza e apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo. Rischia l’arresto fino a sei mesi e una sanzione amministrativa complessiva di 1.600 euro circa. Gli potrebbero essere inflitte anche multe di natura solo amministrativa per la violazione del Testo unico sulle attività rumorose. E non è finita qui perchè gli accertamenti della polizia locale stanno proseguendo in queste ore. Tutto è iniziato domenica poco prima di mezzanotte quando i vigili hanno iniziato un servizio di controllo e prevenzione di consumo dell’alcol. Nel frattempo, al comando erano arrivate alcune segnalazioni sulla presenza di numerosi giovani che a piedi o in bici e in moto si dirigevano verso località Prati dove risuonava l’eco della musica ad alto volume. Le conferme della presenza di un assembramento di giovani è arrivata una volta che gli agenti sono giunti in località Prati e a pochi metri di distanza dall’agriturismo hanno trovato un cartello con la dicitura «Festa». La segnaletica indirizzava i giovani verso lo spiazzo della festa. In quelle strade di campagna prive di illuminazione, erano presenti diverse auto e moto parcheggiate. Una volta arrivati in prossimità del party notturno, i vigili urbani hanno trovato un tavolino con due giovani presenti. Erano loro a controllare gli ingressi in base ad una lista di 140 invitati e, soprattutto, riscuotevano il prezzo di 15 euro per il biglietto d’ingresso. Ai minorenni veniva consegnato un braccialetto che, però, spiegano dal comando, non veniva tenuto in nessun conto da chi operava dietro il bancone del bar. E così gli under 18 potevano consumare alcolici. Gli agenti sono poi entrati nello spazio adibito a festa, scoprendo che erano stati occupati circa 100 metri quadri di un’area verde. Hanno poi scoperto la consolle professionale, riporta un comunicato, con due casse di marca di una famosa azienda sudcoreana. Hanno verificato poi la presenza del dj, il banco bar, le bevande alcoliche e i cocktail. L’arrivo degli uomini in divisa non ha certo destato un grande consenso tra gli invitati già presenti: tutti con cori da stadio hanno chiesto di riprendere la trasmissione della musica che nel frattempo, era stata fatta cessare. Ma per il centinaio di giovani presenti anche se il numero non è stato ancora accertato, la serata si è conclusa in netto anticipo. Tutti sono stati costretti ad allontanarsi nel buio più completo essendo presenti in zona solo le luci, installate dagli organizzatori vicino alla postazione del dj e del bancone da bar improvvisato. Il deflusso dalla festa, però, non ha avuto alcuna seria conseguenza anche se si è svolta nel buio. Gli agenti della Municipale hanno identificato i baristi e stanno verificando il numero esatto di invitati ad una festa che, peraltro, non era stata nemmeno pubblicizzata sui tradizionali canali di internet. •