CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.12.2017

Completato l’ampliamento alla casa di riposo si fa festa

L’inaugurazione della nuova ala della casa di riposo di Lazise
L’inaugurazione della nuova ala della casa di riposo di Lazise

Una casa tra le case del centro storico di Lazise, accogliente anche perché parte integrante della comunità. Proprio per questo motivo si è scelta la via dell’ampliamento anziché la realizzazione altrove di un nuovo edificio per potenziare la casa di riposo. Comunitaria è stata anche la festa organizzata ieri mattina per inaugurare la nuova ala, perpendicolare e collegata alla preesistente, dove da un anno sono stati trasferiti 16 dei 25 ospiti della struttura. Per il taglio del nastro l’amministrazione guidata dal sindaco Luca Sebastiano ha atteso che anche i lavori di sistemazione dell’area esterna fossero conclusi (due milioni e 100mila euro l’investimento complessivo). «Festeggiamo il conseguimento di un risultato prestigioso», ha esordito Sebastiano ricordando il percorso ad ostacoli fatto per arrivare al compimento dell’opera, alla quale si cominciò a pensare durate il primo mandato dell’ex sindaco Renzo Franceschini. Il progetto preliminare risale infatti al 2005, ma le lungaggini si sono avute anche a lavori finalmente iniziati, con il cantiere che è rimasto bloccato tra il 2012 e il 2014 per irregolarità contestate alla prima ditta vincitrice dell’appalto e un ulteriore intoppo nel 2015, dovuto in questo casi alle difficoltà economiche della ditta che era subentrata. «Solo la caparbietà dei cittadini di Lazise ha fatto sì che l’opera vedesse la luce», ha proseguito Sebastiano ringraziando per la collaborazione il personale della cooperativa Spazio Aperto, che da vent’anni gestisce la casa di riposo, il progettista e i tecnici comunali che hanno seguito i lavori e il vicepresidente del Consiglio regionale Massimo Giorgetti per aver recuperato il contributo regionale di 500mila euro che rischiava di andare perduto. Dalla Regione qualche giorno fa è arrivata poi la conferma che è ormai vicino l’accreditamento di tutti e 25 i posti disponibili (finora lo erano solo 16, gli altri nove erano a retta intera con regime privato). «Entro metà gennaio», ha annunciato la presidente di Spazio Aperto Lucia Zanoni, «avremo la visita degli incaricati della nostra Ulss 9 per rendere effettivo l’accreditamento, in modo che tutti i nostri ospiti non autosufficienti possano godere dell’impegnativa di residenzialità, pagando così una retta più contenuta». Tra i presenti all’inaugurazione, oltre agli anziani ospiti e ai loro familiari, il presidente della Provincia Antonio Pastorello, per l’Ulss9 il direttore dell’Unità operativa non autosufficienza Gabriele Bezzan e il direttore dei Servizi sociali Raffaele Grottola, e poi rappresentanti del gruppo alpini e delle associazioni del paese. Ad accompagnare il taglio del nastro c’è stata anche la benedizione della struttura da parte del parroco don Lanfranco Magrinelli. • K.F.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1