CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

21.09.2018

Assemblea dell’associazione Francesco Fontana

Domani pomeriggio a partire dalle 16.30 l’associazione culturale Francesco Fontana organizzerà l’annuale assemblea dei soci aperta a tutta la cittadinanza. L’appuntamento è alle 16.30 nella chiesa dei Santi Fermo e Rustico (in località Santi a Lazise), sede dell’associazione. Come tradizione l’appuntamento è legato alla ricorrenza religiosa dei due santi, che sarà ricordata con la messa celebrata da don Guido Romagnoli. Durante l’assemblea verranno presentati il bilancio dell’associazione e il programma delle iniziative per il 2019, ma anche il restauro quasi ultimato della statua lignea di San Luigi Gonzaga. È la quinta recuperata grazie al contributo di benefattori e all’opera della restauratrice Antonella Ridolfi (le precedenti, di simile fattura, sono un San Rocco, una Maria Addolorata, un San Gioacchino e un San Gaetano Thiene). «Quest’anno abbiamo finalmente visto la conclusione dei lavori di restauro dell’oratorio di Sant’Antonio in località Palù dei Mori», ricorda il presidente dell’associazione Sergio Marconi, «che è stato reso possibile grazie al contributo della Regione Veneto e del Comune di Lazise, oltre alla bravura di tutte le maestranze che hanno recuperato in modo eccellente gli stucchi settecenteschi». «Un sogno che si è finalmente realizzato», prosegue Marconi, «dopo diciotto anni di paziente impegno da parte nostra». Nel bilancio delle attività svolte nell’ultimo anno dall’associazione culturale Francesco Fontana rientra la pubblicazione del volume «La rocca e le mura scaligere di Lazise», mentre altri due volumi sono in cantiere. Si tratta della nuova edizione de «La chiesa di San Nicolò di Lazise», che verrà aggiornata in seguito al restauro del bene storico del paese, e di uno studio sulle ducali veneziane conservate nell’archivio comunale, ovvero documenti che testimoniano la continuazione – anche dopo il passaggio sotto la Repubblica di Venezia – dei diritti e degli impegni acquisiti dal paese grazie ai diplomi imperiali ottenuti a partire dal X secolo, che hanno reso Lazise il «primo Comune d’Italia». L’assemblea dei soci si concluderà con una merenda a base di pane e salame, dolci e vino. •

K.F.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1