Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
domenica, 23 settembre 2018

Sardellata sotto la luna Tre serate di proposte

Tradizioni e musica dai ritmi forti per la tradizionale Sardellata al Chiar di Luna che si tiene oggi, domani e lunedì sul Lungolago Regina Adelaide. Curata dalla Scuola del Remo presieduta da Pierfrancesco Maffezzoli e dalla pro loco col patrocinio del Comune, propone anche gastronomie a base di pesce di lago, cucinate dai volontari dell’ associazione. Pranzo dalle 11 alle 15 e cena dalle 18 alle 23. Dalle 21.30 musica. Stasera rock; domani anche, lunedì electro acoustic. La Sardellata al Chiar di luna richiama l’attenzione sulla storia della pesca che, per centinaia d’anni, è stata la principale attività economica di Garda. Si evoca così la Sardellata al Pal del Vò, una secca tra Punta San Vigilio e Manerba che era segnalata da un palo, riprodotto oggi nelle sale del Museo del lago di Garda: «Rileggiamo in chiave moderna l’usanza di mangiare, al largo, su barche e cotte su braci, le alborelle, pesce azzurro oggi purtroppo molto raro che si riproduceva nella notte del plenilunio di luglio. Ora il pesce si consuma a riva per ragioni di scurezza», spiega l’assessore alle manifestazioni Ivan Ferri, «la Sardellata era tradizione negli anni ’20 anche tra sponenti di spicco di Verona, tra cui il poeta Berto Barbarani e il pittore Angelo Dall’Oca Bianca». •