CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

19.04.2018

Mostra sugli Indios Gli allestitori sono gli studenti del Curie

Una delle sculture esposte all’istituto Maria Curie
Una delle sculture esposte all’istituto Maria Curie

«Le razze, in fin dei conti, esistono: non nei nostri geni, ma nella nostra testa, nella società in cui viviamo», diceva il biologo genetista americano Richard Charles Lewontin. E il genetista francese André Langaney sottolineava: «Siamo tutti parenti e tutti differenti». Sono le frasi «conduttrici» della mostra-ricerca «Esistono le razze umane?» che si inaugura oggi all'Istituto d'istruzione superiore Marie Curie, sede centrale di Garda. L'hanno allestita per la «Giornata nazionale degli Indios» i ragazzi della 4a D del liceo scientifico, opzione Scienze applicate, guidati da professore di Scienze naturali Daniele Zanini. Che esordisce: «Espone sedici opere dell'artista di Bardolino Franco Loro, frutto dell'esperienza maturata in Sud America negli anni '90. A parte due totem, si tratta di volti di Indios». Finemente intagliati in tronchi di cedro e tasso, sono abbelliti da curatissime raffigurazioni naturali. «Loro li ha prestati per dare un carattere plastico al nostro progetto extracurriculare “Darwin e Indios”», spiega Zanini. «Darwin, noto per essere padre della teoria evoluzionistica, studiò gli Indios. Purtroppo le sue teorie furono usate per dimostrare l’inferiorità di alcune popolazioni, sebbene le sue analisi dimostrassero la non esistenza delle razze umane». La mostra, che verrà illustra su richiesta fino al 4 maggio dalle 9 alle 13 dagli studenti, è costituita anche da tredici cartelloni da loro elaborati. Prenotazioni allo 045.6270680. •

B.B.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1