CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

28.02.2018

Il bus dei servizi sociali si paga «E quello dei turisti è gratuito»

Un pulmino dei servizi sociali in grado di trasportare disabili
Un pulmino dei servizi sociali in grado di trasportare disabili

Passa da gratuito a pagamento l'uso del pulmino dei servizi sociali entro i confini di Garda e aumenta il costo orario al di fuori del paese. È stata approvata dalla Giunta la delibera che ha per oggetto la «modifica dei criteri per l'utilizzo del veicolo per il trasporto di anziani e disabili e minori in particolari condizioni». Come informano gli uffici comunali, «Sono quattro gli utenti che usano il pulmino per servizi a domanda individuale, di cui tre, in più giorni, per motivi sanitari e uno per commissioni varie, non avendo una rete parentale di sostegno». Inoltre un numero di anziane, variabile tra quattro e otto, se ne serve gratuitamente, il lunedì, mercoledì e venerdì per partecipare al servizio di socializzazione. Ricorda il capogruppo di maggioranza Sacha Allevato: «La partecipazione al costo della servizio da parte dell'utenza al di fuori del territorio comunale e nell'ambito del provinciale prevedeva che il costo di un tragitto (andata e ritorno) fosse di 5 euro, più 3 per ogni ora in più di impiego dell'autista, e gratuito entro Garda, compilando un modulo su richiesta. Questo, ora, prevede una contribuzione fissa di 5 euro mentre il contributo per ogni ora fuori Garda passa a 5 euro. L'adeguamento, scattato il 15 febbraio, si è fatto ritenendo di dover adeguare la contribuzione e tenuto conto del costo del servizio, ora gestito da una cooperativa specializzata e non più da volontari. Scelta fatta per non investirli di una responsabilità troppo grande dopo l'entrata in vigore della nuova legge sull'omicidio stradale». VOCI CONTRARIE. Le opposizioni però non ci stanno. Commenta Anna Codognola di Nuova Garda: «La gente si lamenta, soprattutto chi ha disabili in casa, perché il sociale è sottovalutato. Chi deve recarsi alle visite deve prenotare il pulmino, a volte spostarle sulla base del calendario del mezzo che antepone, talvolta anche viaggi per spesa o gite. Sono contraria all'assegnazione a una cooperativa, che ora infatti fa pagare il servizio». Irene Moretti di M5S: «Avevamo già rilevato in Consiglio che ritenevamo bassa la spesa di bilancio destinata al sociale. Questa novità conferma la nostra posizione. Un servizio così importante deve rimanere gratuito, almeno entro il territorio comunale. Si poteva riconsiderare solo il trasporto esterno in base a criteri di reddito e reali necessità. Assurdo che in stagione ci sia un bus navetta gratuito per i turisti e si chieda un contributo ai cittadini per un servizio sociale». Rincara la dose Lorenza Ragnolini di Garda Futura: «L’amministrazione dovrebbe capire che Garda non è Gardaland e il paese va amministrato anche nell'interesse dei cittadini e non solo dei turisti. Che senso ha istituire per questi ultimi una navetta gratuita, quando potrebbero pagare 1 euro a tratta, e far pagare il trasporto a residenti e bisognosi?» I COSTI. Prosegue Allevato: «L'affidamento a una cooperativa incide sul bilancio per circa 22mila euro l'anno. Trattandosi di servizio a domanda individuale, non si può prescindere dalla compartecipazione al costo, tanto più che qualcuno richiede il mezzo anche solo per fare la spesa. Quindi lo deve pagare. Tutto il trasporto a fine sociale prevede compartecipazione. Quella dell’utente è minore di un quarto del costo del servizio al Comune. Non è chiesta compartecipazione per spese di carburante, revisioni, bolli, assicurazione e manutenzione del mezzo che ho verificato essere in perfetto stato sotto i profili della meccanica e dei presidi per il disabile. La giunta ha inoltre stabilito di non chiedere la presentazione dell’Isee e il servizio di socializzazione per gli anziani resta gratuito. Casi di particolare difficoltà saranno valutati». •

barbara Bertasi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1