CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

16.02.2018

Ha ucciso le anatre Trovato e multato l’automobilista

Il sei febbraio due germani reali erano stati investiti mentre erano in mezzo alla strada in zona a traffico limitato, a Garda. La vicenda aveva commosso e messo in subbuglio il popolo di internet e le consigliere comunali di opposizione Anna Codognola di Nuova Garda e Lorenza Ragnolini di Garda Futura, che avevano chiesto lumi sull’accaduto. Del caso si era subito interessata la polizia locale, che infatti ha individuato e multato il conducente. L’avvocato Guariente Guarienti ha scritto una lettera al comandante dei vigili Ferdinando Pezzo, che dice: «Caro comandante, Rosmunda e Oderisia, vedove di Carlo Magno Germano Reale e Francesco I Germano Reale, mi hanno incaricato di procedere nei confronti dell’investitore. È pur vero», prosegue, «che i consorti delle mie clienti viaggiavano in zona a traffico limitato ma mi sembra che nessun regolamento inserisca i germani reali tra i cittadini con divieto di accesso alla zona. Ne sarebbero esclusi galli, galline, tacchini, coccodrilli e ornitorinchi; tra i lontani parenti dei germani reali l’anatra comune e le oche... Per procedere giudizialmente – mi auguro non si tratti di omicidio volontario ma colposo – devo conoscere nome e indirizzo dell’investitore, targa dell’auto... Nell’attesa di un cortese riscontro porgo i più cordiali saluti». Risponde il comandante: «Ringrazio l’avvocato per aver messo una nota di ilarità su questa vicenda che ha tenuto banco a Garda. Posso rassicurare tutti: il responsabile era molto dispiaciuto per l’accaduto. Si è trattato di un investimento involontario. L’ uomo ha accettato di essere sanzionato con un verbale di 413 euro come da articolo 189 del codice della strada per omissione di soccorso ad animali in incidente. Ha già pagato». E aggiunge: «All’ avvocato rispondo che farò il possibile per esaudire le sue richieste, nel rispetto delle sue pennute clienti cui vorrà porre le più sentite condoglianze. In ogni caso il fatto è spiaciuto poiché gli animali sono un patrimonio da rispettare». Codognola commenta: «Verificheremo la vicenda, davvero molto triste». E Ragnolini: «Quale consigliera, il 9 febbraio ho inoltrato al comandante richiesta di conoscere la dinamica del fatto e se la Procura ne sia stata messa a conoscenza. Ad oggi non ho avuto risposta». •

B.B.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1