CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

03.05.2018

Cardiochirurgia, anziani e percorsi di riabilitazione

Cardiologi a convegno sulla gestione delle problematiche del paziente anziano e fragile. Sabato a Palazzo Carlotti, Garda, si ritroveranno alcuni tra i migliori cardiologi e cardiochirurghi di Veneto e Lombardia. Il titolo dell’ incontro, che inizia alle 9, è «Gestione del paziente anziano fragile: dall’intervento chirurgico al percorso riabilitativo»; organizzano Casa di cura Villa Garda, sezione regionale dell’Associazione nazionale dei medici cardiologi ospedalieri, altre realtà private del mondo sanitario. A fare gli onori di casa Giampaolo Perini, direttore della Riabilitazione cardiologica di Villa Garda e già primario di cardiologia a Bussolunego Villafranca. Ad alternarsi ci saranno poi il professor Flavio Ribichini, emodinamista e responsabile della Cardiologia di Borgo Trento, il professor Giuseppe Faggian, direttore Cardiochirurgia di Verona e vari altri cardiochirurghi quali il professor Muneretto di Brescia, Salvador di Vicenza cardiolgi di Cittadella, Padova, Peschiera. «L’innalzamento dell’aspettativa di vita», spiega la segreteria organizzativa, «vede aumentare l’incidenza della patologie cardiovascolari degenerative. Tra queste le patologie valvolari, la malattia coronarica e lo scompenso cardiaco rappresentano le cause più comuni di ospedalizzazione dei pazienti anziani. La presenza di insufficienza renale, diabete, ipertensione e affezioni polmonari, tipiche dell’età avanzata, possono influire sull’outcome dell’intervento cardiochirurgico». Però «le innovazioni tecnologiche offrono un sempre più frequente ricorso a un approccio chirurgico mini invasivo o percutaneo, cioè grazie alle procedure cardiologiche di emodinamica. La chirurgia cardiaca sta sviluppando approcci per minimizzare l’impatto dell’intervento grazie anche all’uso di robot e di piccole telecamere». •

G.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1