CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

21.07.2018

Ritmi africani a Pazzon Danze e percussioni

Allestimento in Val del Tasso
Allestimento in Val del Tasso

Appuntamento domani con il quarto appuntamento della rassegna musicale Baldo in Musica 2018, organizzata come sempre dall’associazione culturale Baldofestival. Alle 18,30 nella Valle del Tasso, a Pazzon, si potrà partecipare allo spettacolo «Danze e percussioni africane» del Gruppo Djambadon. Il luogo dove si tiene è veramente speciale e Baldofestival offre l'opportunità di visitarlo prima dell'evento, organizzando una visita guidata gratuita che partirà alle 16,30 dalla piazza di Pazzon. Un’occasione da non perdere per conoscere un tratto spettacolare della valle solcata da questo torrente che ha origine a sud di Spiazzi e sfocia in Adige a Sega di Cavaion Veronese. Dopo la passeggiata, alle 18,30, inizierà lo spettacolo. Gli artisti sono Ernesto da Silva, percussionista e maestro di danza, ideatore del progetto «Djambadon» che nasce nel 2006 dopo tre anni di lavoro con alcuni allievi del gruppo di danza e percussioni con l’obiettivo di promuovere la comunicazione interculturale e diffondere la musica e le danze tradizionali della Guinea-Bissau e dell’Africa in generale. Il gruppo propone un repertorio di danze tradizionali che, per le loro caratteristiche di semplicità e purezza originali, sono espressione collettiva di un modo di essere e agire in perfetta armonia con la natura. Le danze sono sempre accompagnate da percussioni africane (djembé, tina, dunun) alle quali si uniscono strumenti moderni quali il basso e la chitarra. Il nome del gruppo è sinonimo di festa. «Quando qualcuno annuncia che ci sarà “Djambadon”, ovvero un ritmo, tutti sanno che si festeggerà qualcosa e ci sarà un gruppo di percussionisti ad animare le danze. Il nome è stato scelto con l’intento di trasmettere l’energia vitale del “Djambadon”, per ricordare che la vita non è fatta solo di dolore, ma anche di gioia, allegria e festa». La visita guidata è veramente una bella opportunità: nella valle solcata dal Tasso, può capitare di osservare alcuni anfibi e curiosi insetti che vivono sul fondo del torrente. Può accadere di udire il picchio e di intravedere il merlo acquaiolo. Tra l'altro, proprio in questo periodo, è allestita la mostra di Baldofestival «Tra la terra e il cielo-Sentieri nell’arte 2018» che resterà aperta, con le sue 32 istallazioni, fino al 9 settembre. In caso di maltempo l'evento si terrà alla stessa ora nella sala parrocchiale di Pazzon che è sempre in piazza. •

B.B.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1