Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 18 settembre 2018

Museo a cielo aperto con trentadue opere tra sentieri e natura

Un invito ufficiale a larghissimo raggio rivolto a chi governa il nostro territorio. Prenotarsi entro oggi. Gli amministratori pubblici non solo locali sono ufficialmente invitati a visitare «Sentieri nell’arte 2018, tra la terra e il cielo», il percorso organizzato dall’ associazione culturale caprinese Baldofestival che si snoda nella Valle del Tasso, tra le località Pazzon e Porcino. Un’esposizione che si può vedere in qualsiasi momento fino al 9 settembre e seguendo le visite guidate organizzate per il sabato e la domenica partendo alle 16,30 dalla piazza di Pazzon. Si tratta della nona edizione di un evento a cadenza biennale che propone quest’anno 32 istallazioni esposte dai 30 artisti che vi hanno partecipato: «Sono intervenuti giovani sia stranieri sia italiani tra i quali molti studenti provenienti, principalmente, dalle accademie di Verona e Venezia», precisa Anna Carla Brunelli che, proprio dal 2002, segue questa iniziativa predisposta con la professoressa Nadia Melotti. «Visto il traguardo raggiunto, riteniamo la manifestazione sufficientemente matura e consolidata da meritare la giusta visibilità e conoscenza anche da parte delle istituzioni locali, provinciali e regionali. In questi giorni li abbiamo invitati a vedere il frutto del nostro lavoro che punta a sensibilizzare ad un’ arte armonicamente collocata nel territorio che diviene così una sorta di «museo aperto». Anche con l’iniziativa musicale Baldo in Musica», prosegue, «che ci ha portati ad organizzare sei concerti con personaggi e gruppi di rilievo in punti particolarmente belli del Monte Baldo, di Caprino e di Rivoli, abbiamo teso a valorizzare il nostra meraviglioso contesto ambientale». Tornando a Sentieri nell’Arte 2018 chiude: «Alcuni amministratori sono già venuti. Diamo ora la possibilità di aderire a questa visita guidata straordinaria che partirà i 1° settembre alle 16, sempre dalla piazza centrale di Pazzon. Sarà la stessa curatrice, la professoressa Melotti, ad accogliere chi sarà con noi e ad accompagnare lungo questo percorso. Non presenta difficoltà», assicura, «ma consigliamo di affrontarlo indossando abbigliamento adatti ad un escursione». Si può confermare la propria presenza entro oggi a baldofestival@baldofestival.org o al 339 1306669. •