Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 21 novembre 2018

Sala giochi e video lottery Il Comune vince il ricorso

Il Consiglio di Stato conferma la legittimità del regolamento e dell’ordinanza sindacale di Bardolino sulle distanze minime dai luoghi sensibili per le sale giochi (almeno 500 metri) e gli orari di funzionamento di slot e video lotterie: dalle 16 alle 24. È quanto stabilisce la Quinta sezione che così respinge il ricorso della Disan srl, a cui prima il Comune e poi il Tar avevano negato l’apertura di una sala in un locale troppo vicino ad alcuni punti sensibili. I giudici di Palazzo Spada confermano che «in piena coerenza» con la legge regionale sul gioco patologico, Bardolino ha introdotto i limiti orari e la norma sulle distanze minime. «Il regolamento in questione dava ampio, diffuso ed argomentato conto delle ragioni che hanno giustificato la scelta dell’ente» ed è basato su una norma regionale «sulla tutela della salute pubblica». Contrariamente a quanto sostenuto dalla società, concludono i giudici, le disposizioni sull’ubicazione delle sale non si sovrappongono alle competenze dell’Agenzia Dogane e Monopoli. •