CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

24.12.2017

«Quel treno per Garda» in dono ai ragazzi

Un libro per regalo di Natale. Nell’ultimo giorno di scuola prima delle vacanze la vice sindaca Marta Ferrari, a nome dell’amministrazione comunale, ha donato a tutti gli studenti delle medie Falcone-Borsellino Quel treno per Garda, di Fabio Gaggia. L’iniziativa dell’assessorato alla cultura punta a promuovere la lettura tra i giovani. «Negli anni scorsi abbiamo regalato un testo sulla legalità scritto da Luigi Garlando che ricordava Giovanni Falcone; ora puntare sulla storia del nostro territorio», dice Marta Ferrari. «La scelta è caduta sul libro di Fabio Gaggia, per anni insegnante a Bardolino, che tratta la vita della linea ferroviaria Caprino - Garda realizzata nel 1904. I ragazzi e i loro familiari avranno l’opportunità di conoscere uno spaccato di storia locale e invito tutti a partecipare all’incontro di presentazione del libro che, insieme al Club della Mezza Età di Bardolino presieduto dal professore Armando Gallina, sarà martedì alle 17 nella sala della Disciplina». Da Affi si giungeva, per Cavaion e Calmasino, a Bardolino, il più importante centro commerciale della sponda veronese del lago, si passava sotto la Rocca e si faceva capolinea a Garda. Il primo treno giunse a Bardolino la domenica mattina del 31 gennaio 1904. Ad attenderlo alla stazione (oggi Circolo Anziani) c'era una gran folla con la banda e il sindaco Giovanni Gelmetti il quale salì sul treno imbandierato, già carico di autorità. La cerimonia inaugurale ed il banchetto si tennero presso l’Hotel Terminus di Garda e la festosa compagnia nel pomeriggio raggiunse Maderno col piroscafo Zanardelli. La linea venne smantellata nel 1956. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1