CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

19.12.2017

«De chi e de là de la Roca» I racconti di Brusco

È in edicola l’ultimo lavoro di Romano Brusco, attento osservatore della vita gardesana. De chi e de là de la Roca è stato presentato in un incontro promosso dal Lions Garda Benacus. Splendida occasione per uno scambio poetico narrativo per la presenza, anche, di un fervido poeta in lingua veronese come Bruno da Orsa, l’avvocato Bruno Castelletti. Un simpatico duetto di personaggi legati alla loro terra: Brusco osservatore delle storiche rivalità tra bardolinesi e gardesani e un Castelletti a declamare la sua valle (Val d’Orsa), il suo Baldo e il Lago di Garda. Il libro di Romano Brusco, cantore della Bardolino del passato, coinvolge gardesani e barolinesi. «Mi auguro che questo libro contribuisca a quella riconciliazione che ormai cambiando i tempi e mentalità si potrebbe tentare di sperimentare, dandosi la mano da amici», scrive Brusco. Buon supporto all’opera arriva da un racconto tratto dal libro del professor Mario Pasotti, Storie de Garda vecia. «Infine c’è in questo mio scritto», conclude Romano Brusco, «un riconoscimento di gratitudine che ho voluto riservare a quei benemeriti gardesani che tanto si sono prodigati per far uscire Garda dalla miseria di quei tempi e che di loro non c’è un cenno di ricordo, né di un grazie di riconoscenza tanto meritato». • A.J.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1