CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

07.02.2018

Una commedia da «sballo» per l’«Altichiero»

Migrano a San Giovanni Lupatoto convinti che anche il teatro possa insegnare che la droga fa male. È quanto faranno, oggi, i ragazzi della scuola media «Altichiero» per assistere, al teatro Astra, a «Stupefatto, avevo 14 anni, la droga molti più di me», spettacolo in forma di narrazione sul tema della dipendenza dagli stupefacenti. La messa in scena, proposta in un gran numero di scuole medie e superiori di più regioni italiane, ha il pregio di veicolare con grande efficacia messaggi volti a scardinare luoghi comuni diffusi tra i giovanissimi. Tipo: «smetto quando voglio», «la canna fa meno male delle sigarette», «lo faccio una sola volta per provare», «sono droghe naturali». Raccontando una storia vera, tratta da un romanzo autobiografico di Enrico Como, sarà la compagnia di teatro civile «Itineraria» a mettere in guardia i ragazzi - che si trovano nell’età più a rischio di venire a contatto con sostanze stupefacenti - dal cedere anche minimamente a qualsiasi droga. Nella vita di tutti i giorni non è facile far riflettere i giovani su un tema così delicato e importante. Così la scuola ha ritenuto di raggiungere l’obiettivo partecipando alla rappresentazione teatrale patrocinata dal ministero dell’ Istruzione. La professoressa Maria Arlacchi spiega che «Stupefatto» è una delle tappe del progetto più ampio dal titolo «Io mi sto a cuore», portato avanti dall’«Altichiero», con l’aiuto degli esperti, per sperimentare con gli studenti, i genitori e gli insegnanti le strategie di comunicazione più efficaci per migliorare i legami sociali, essendo questi ritenuti i principali fattori di protezione della salute e dalle dipendenze. Lo scorso novembre la scuola ha proposto «Soli e connessi», una serie di incontri a cura della psicologa Cristina Cobelli e dell’ingegnere informatico Maurizio Boscaini, volti a prevenire l’uso smodato della rete. L’Inail ha poi promosso incontri sulla sicurezza a scuola. Con il comando provinciale dei Vigili del fuoco, ogni classe ha infine affrontato come comportarsi a scuola in caso di terremoti, calamità atmosferiche, contatti con sostanze pericolose. • P.T. © RIPRODUZIONE RISERVATA

P.T.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1