CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

30.01.2018

Ruba cibo per quindici euro Condannato a otto mesi

I carabinieri davanti al supermercato Prix di Zevio
I carabinieri davanti al supermercato Prix di Zevio

Aveva nascosto 15 euro tra scatolame e confezioni di cibo sotto il maglione. Pensava di averla fatta franca e si stava allontanando dal supermercato Prix di Zevio in via Adele Smania con il pasto assicurato. Gli è andata male, però. Un sorvegliante del negozio l’ha visto mentre rubava e l’ha bloccato. Lui non si è dato per vinto, ha reagito ma non è servito a niente. Nel frattempo, sono stati avvertiti i carabinieri di Zevio che, una volta giunti sul posto, hanno completato l’opera e hanno arrestato il trentaseienne con l’accusa di rapina impropria. Ieri lo straniero, senza fissa dimora ma fornito di documenti regolari, è stato processato per direttissima. In aula, c’è rimasto giusto il tempo di patteggiare la pena tra il suo legale e il pm. Il marocchino è così uscito dagli uffici giudiziari con una pena di 8 mesi sul groppo anche se ha ottenuto il beneficio della sospensione condizionale ed è, quindi, libero. Due giorni fa, il marocchino aveva iniziato a nascondere confezioni di cibo sotto il maglione senza accorgersi girando tra gli scaffali del Prix di Zevio. Una volta bloccato dal personale di sorveglianza, ha tentato di spintonarlo per darsi alla fuga senza alcun esito grazie al pronto intervento dei carabinieri. D’altro canto, l’obiettivo dei sorveglianti era quello di farsi restituire i prodotti prelevati dagli scaffali della catena di supermercati. Sono stati poi i carabinieri a fargli scattare le manette intorno ai polsi. Il marocchino non ha fornito alcuna spiegazione di quel mini furto di soli 15 euro di scatolame. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1