Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 13 novembre 2018

Incendio alla Transeco, analisi dell'Arpav
«Spento in tempo, nessun pericolo»

Dopo l'incendio di questa mattina alla Transeco, impianto di trattamento di rifiuti speciali di Zevio, è intervenuta l'Arpav, allertata dai vigili del fuoco.

Il propagarsi dell’incendio è stato impedito dall'intervento tempestivo del personale dell’azienda coadiuvato successivamente dai vigili del fuoco. Le acque di spegnimento, spiega l'Arpav, «sono confluite nelle apposite cisterne interrate». 

Le analisi dei tecnici non hanno rilevato «scostamenti dai valori fondo. Sulla base di tali rilevazione e per quanto era in atto non si è quindi proceduto ad effettuare campionamenti della matrice aria. Il quantitativo di rifiuti stimato presente nell’impianto era inferiore al limite indicato nel Certificato di Prevenzione incendi ed entro i limiti imposti dall’Autorizzazione all’esercizio». 

 

L’incendio ha coinvolto cumuli di rifiuto stimati in circa 40 tonnellate provenienti dalla lavorazione meccanica, 4,5 di rifiuti ingombranti e 24 di imballaggi misti.

Altri roghi avevano coinvolto il sito nel 2015 e nel 2011.