Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 24 settembre 2018

Frontale in auto,
addio a Brigitte
«vulcano di energia»

Brigitte Atay

È morta una settimana fa nella sua terra natale, il Togo, causa un incidente frontale: seduta accanto a un parente che stava guidando l'auto, è finita contro un camion che stava viaggiando in senso contrario.

Una tragedia che ha destato sgomento a Volon di Zevio (e non solo), dover Brigitte Atayi abitava da anni con la sua famiglia: il marito Paolo e i due figli Manuela e Santos di 26 e 25 anni.

Era tornata in Africa per festeggiare i suoi 60 anni e i 90 di sua mamma Agatah. 

«Un vulcano», dicono di lei. Brigitte sprizzava energia, idee ed entusiasmo: mediatrice culturale, traduttrice, scrittrice (era stata all’ultimo Salone del libro di Torino), cantante (aveva partecipato a un paio di edizioni delle serate di voci femminili per l’Otto marzo organizzate da Enrico de Angelis).

Il marito Paolo si appresta a tornare in Togo per la cerimonia funebre e la cremazione della moglie. Le ceneri saranno portate a Zevio per una seconda cerimonia d'addio e la sepoltura.