CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

22.12.2017

Abbattuta la stele dei tre partigiani morti il 26 aprile

La stele che ricorda l’eccidio del 26 aprile 1946
La stele che ricorda l’eccidio del 26 aprile 1946

Recisa alla base la stele ai bordi della rotonda in località Tre ponti che segna il confine con San Giovanni Lupatoto, posata dall’Associazione partigiana lupatotina per ricordare l’eccidio di Beniamino Olioso e di Giuseppe e Luigi Sartori. Si tratta di due morti in un conflitto con i tedeschi in ritirata proprio il giorno in cui gli americani liberarono Zevio e San Giovanni Lupatoto, il 26 aprile del 1945. Lo segnala Gianluca Passarin, tra i promotori del vicino parco naturale sull’Adige di Pontoncello. Di primo acchito Passarin aveva pensato che il danneggiamento al ricordo in pietra del grave fatto di sangue legato alla Resistenza, potesse essere in qualche modo collegabile agli episodi di fascismo di cui hanno parlato i media nei giorni scorsi. Ma da un esame più accurato è certo che a ridurre la stele a mal partito è stata la sbandata di un’auto. «Probabilmente di una vettura di piccola cilindrata, stante ai resti lasciati sul terreno», osserva Passarin. L’automobile in questione veniva da Zevio quando ha tranciato il parallelepipedo commemorativo alto un metro, per finire la sua corsa contro la base del cipresso un paio di metri più avanti. Passarin fa notare che ora l’equilibrio della stele è precario. Che basta spingerla un po’ per farla rovinare a terra. Che quindi il cippo funerario costituisce un costante pericolo, considerato che sorge pure a ridosso della Ciclovia delle risorgive che porta a Valeggio. La messa in sicurezza della stele appare dunque urgente, anche a tutela della dignità che merita il ricordo dei tre partigiani trucidati dai nazisti. • P.T.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1