CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

18.09.2018

Sofia vola leggera sui pattini e a 11 anni colleziona successi

Un corpo esile che penseresti leggero come una piuma ma che nasconde una grinta da campionessa, capace di atterrare (metaforicamente) avversarie di tutt’altra stazza fisica. E i risultati parlano per lei. Sofia Reina, classe 2007, campionessa di pattini in linea regionale e vice campionessa nazionale (categoria giovanissimi - esordienti) a 11 anni e già con un palmares di vittorie di tutto rispetto. Questo è stato l’anno in cui tutta la forza e la grinta hanno dato il meglio: secondo posto al Trofeo nazionale Bruno Tiezzi a Busto Arsizio nella specialità Slide; tre primi posti ai campionati regionali in altrettante specialità (Speed, Roller cross, e Slide), tutti risultati omologati dalla Federazione italiana sport rotellistici (Fisr). E ancora un primo posto nella specialità Long jump con una salto di 2,75 metri alla Quinta rassegna nazionale Aics di pattinaggio Freestyle a Tonezza del Cimone, dove ha primeggiato anche nello Skate Slalom, e il giorno dopo, con la febbre addosso, ha portato a casa un terzo posto nel Cross. Una vera passione quella di Sofia, che è maturata nel triennio delle medie con la stessa determinazione con cui ha chiuso le elementari, primeggiando anche a scuola. «Ho cominciato a indossare i pattini per gioco a quattro anni e mezzo», racconta lei. È stato su suggerimento del papà Sergio che voleva farle praticare uno sport e ha tirato giù dalla soffitta quei pattini che la primogenita Sara, allora già al liceo, aveva usato solo poche volte lasciandoli poi a riposo. «Abbiamo pensato subito a una scuola perché la potesse indirizzare nell’affrontare l’uso dei pattini in sicurezza e con le dovute protezioni», aggiunge mamma Franca. Il resto è arrivato di conseguenza, quando l’allenatore del Jolly Skate in line San Bonifacio, dopo due mesi che la vedeva assidua agli allenamenti e interessata, ha colto le potenzialità di Sofia e consigliato di incrementare allenamenti e uscite per le gare. Lo scorso anno c’è stato il passaggio all’Asd Verona Skate e quest’anno l’esplosione di risultati prima dell’ingresso nella categoria Ragazzi con il compimento dell’undicesimo anno. Sofia ama in particolare le specialità Slide (frenata) e Roller cross (corsa su un percorso a ostacoli) ma i risultati dicono che per lei sono perfette anche le specialità Speed (velocità pura in pista), Skate slalom (entrare e uscire fra i coni senza farli cadere) e il Long jump, salto in lungo con i pattini. Sofia si allena tre, quattro giorni alla settimana per un’ora e mezza alla volta e va orgogliosa delle sue cicatrici che chiama «medaglie», rimaste come segno delle cadute ma tutte senza mai gravi conseguenze. I genitori si caricano di spese importanti (un paio di pattini da agonismo arriva a costare anche duecento euro), e si pagano le trasferte che oltre al viaggio comporta spesso il pernottamento per gare che si sviluppano su più giorni: «Ma lo facciamo volentieri per la soddisfazione che questo sport dà a Sofia. Però se qualche sponsor si ricordasse anche di questi sport minori, i costi non sarebbero così pesanti sulle spalle dei genitori», dicono Franca e Sergio. Sofia guarda avanti con la tenacia dei primi giorni: «Cerco di fare sempre del mio meglio», dice, «con la grinta e la determinazione che servono». Una dote che la sorella Sara riconosce a Sofia è proprio la capacità di concentrarsi studiando il percorso nella fase che precede la gara, presente alla pista e assente nello stesso tempo a chi le sta intorno, per caricarsi: «Non penso a nulla, solo a far bene», conclude Sofia, e lo si è visto nella gara di Cross vinta ai campionati veneti: partita in svantaggio, si è subito portata al secondo posto e al primo passaggio largo dell’avversaria che la precedeva l’ha superata pennellando perfettamente una curva e correndo in solitaria verso il meritato trionfo. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

V.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1