CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

21.12.2017

I presepi sulla via di casa: a Illasi ritorna la magia

Il presepe di Giovanni Tommasi sul centro commerciale all’ingresso di Illasi
Il presepe di Giovanni Tommasi sul centro commerciale all’ingresso di Illasi

Vittorio Zambaldo La Val d’Illasi accoglie anche quest’anno i visitatori e i suoi residenti con un presepe sulla via di casa, installato sul centro commerciale all’ ingresso del paese. Ne è autore, come ogni anno, Giovanni Tommasi, che con l’aiuto di Renzo Castagna ha posizionato in paese oltre una ventina di presepi, la maggior parte costruiti con il tubo luminoso che di giorno mostrano semplici contorni di figure immateriali e di notte si rivestono di luce prendendo vita con il buio. Altri presepi sono realizzati con sagome di polistirolo, lasciate bianche, come quello che da un paio di anni fa bella mostra nel periodo natalizio dentro il chiostro di Sant’Elena accanto al duomo di Verona. «LO FACCIO PER PASSIONE e per aiutare gli altri», racconta della sua ostinata voglia di presepi che ogni anno impreziosiscono le strade e i giardini del paese, «per raccogliere qualche offerta da destinare a persone e progetti che hanno bisogno del nostro aiuto. Lo faccio privatamente ma sarebbe bello che fosse fatto a livello comunitario, di paese, con qualcuno che si prendesse la briga di raccogliere qualcosa per aiutare gli altri», aggiunge. Se a Natale è proiettato fuori tra i mille impegni che lo chiamano, per il resto dell’ anno si dedica invece al suo presepio animato, una costruzione grandiosa che lascia sempre allestita in casa e che ogni anno sistema, restaura, migliora nei movimenti che ha creato da solo con straordinaria perizia e inventiva. Ha un animo buono e poetico Giovanni, non solo mani d’oro che sanno modellare la dolcezza del Natale. Guardando il suo presepe sulla via di casa ha immaginato di essere uno dei tanti viandanti che percorrono la valle e gli è sgorgata spontanea una composizione: «Dopo una giornata di lavoro e di fatica/ e tante difficoltà per il pane quotidiano,/ si ritorna un po’ sfiduciati sulla via di casa./ Sembra una piccola valle di lacrime,/ e mentre il giorno volge al desio/ scende la sera salendo la valle./ Un angelo e una grande stella m’appare,/ l’accoglienza e la gioia di un presepe/ l’anima, la mente, il cuore m’invade./ È Natale, Gesù per noi è nato,/ amore, serenità e pace mi sono compagne,/ la piccola valle di lacrime si rasserena/ e una Grande Luce ci indica la via./ Gesù è questa luce che ci illumina/ per camminare sempre insieme». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1