CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

22.01.2018

Pit stop e organizzazione premiati: «Torneremo»

Le oasi del gusto, lodatissime anche da quelli che la Montefortiana la fanno sfidando il cronometro: «Ristori top, organizzazione top, percorso top che per noi è storico, sebbene abbia solo tre anni», dicevano ieri mattina in coro sei marciatori della compagnia del Cimavilla running team (presente con 15 podisti) che stavano per affrontare i 26 chilometri di corsa in salita della terza Ecorun-Collis. Silvia, Loris, Massimo, Paolo, Gian Angelo e Vanni fanno parte di quella schiera di persone che godono, ad esempio, dei deliziosi dolci sfornati a Castelcerino di Soave dalle signore della zona. Alla Montefortiana Expo, invece, c’era un quintetto di runners vestiti di acceso arancione: «Siamo noi, United trail&running di Selvazzano, in provincia di Padova. Siamo nati tre anni fa e siamo qua da quando esistiamo», dicevano Andrea, Massimo, Roberto, Andrea ed Alessandra. Veloce appello degli altri compagni di team (perché nella foto meglio far vedere il gruppo) e due note a corredo: «Si torna per i sette ristori sui 20 chilometri, e poi castelli, vigne, tanta gente e la bellezza di correre in compagnia. Il ristoro top? Quello di Fittà». Qualcuno guarda con un certo interesse le forme di formaggio Monte Veronese Dop appollaiate sul palco: «Questa presenza aiuta...a non partire! Stiamo qua che non si sa mai che qualche forma possa accidentalmente cadere», ridono. Festeggiano il decennale alla Montefortiana i 12 podisti bresciani del Circolo amatori podisti arrivati da Molinetto di Mazzano: «Siamo fedelissimi perché c’è un bel pacco gara, è una corsa partecipata che ha un percorso magnifico...ma anche per la polenta e mortadella che c’è al super ristoro di Fittà», dicono Mario, Alberto, Sergio, Alma e Silvia incerti se buttarsi sui 14 o sui 20 chilometri. A fine mattinata c’è Eleonora, bella signora sessantottenne di Bagnolo in Piano (Reggio Emilia), che si gode il sole col marito Adriano dopo aver dato fondo ai suoi tortellini. Per lei è stata la prima Montefortiana: tornerà? «Penso proprio di sì. A parte la salitona (quella di Brognoligo, ndr) organizzazione e tantissima gente sono valori assoluti!». • P.D.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1