CHIUDI
CHIUDI

07.01.2019

Meno debiti, il Comune non ritocca le imposte

Ilarionesi meno indebitati col Comune: scende il debito a carico di ciascun residente, che nel 2019 non avrà brutte sorprese per imposte e tasse. Se nel 2017 il debito procapite era di 492 euro, nel 2019 scende a 380 euro grazie alla riduzione del monte mutui che nel 2017 era di 2,5 milioni e che a fine 2018 è sceso a 2 milioni e 228 mila euro. «Anche quest’anno viene confermata la tendenza che vantiamo già da qualche anno», ha detto in Consiglio comunale il sindaco Luciano Marcazzan, eletto nel 2016, «e per il 2021 la previsione è di 1 milione e 406 mila euro. Ciò significa che se per un verso si apre la possibilità di accedere a nuovi mutui, dall’altro il Comune si trova disponibili piccole risorse aggiuntive, spesso utilissime». Il dato fa il paio con la decisione di non aumentare le tasse: confermate per il 2019 l’aliquota dello 0,8 per cento dell’addizionale comunale Irpef, ma pure Tari, Tasi e Imu con le rispettive detrazioni e con una diminuzione della base imponibile sui terreni del piano industriale pubblico delle Boarie. Una buona notizia, anche se solo a metà per i consiglieri di minoranza Nadia Bevilacqua e Lorenzo Gecchele, perché l’augurio è quello che le tasse comincino a calare: anche per questa ragione i due, al momento del voto sul bilancio di previsione si sono astenuti.

P.D.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1