CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

16.07.2017

Lite Comune e società sportive
«Rimborsi solo con ricevute»

Fatture sì ma senza pezze giustificative: ecco cos’ha creato il caos contabile tra Comune di Monteforte e società sportive del paese. Ora, anche grazie ad alcuni incontri dell’amministrazione con le società ed il nuovo segretario comunale, la matassa è stata sbrogliata ma un aspetto è certo: «I rapporti con le società che cessano la gestione degli impianti si chiuderanno nel rispetto della normativa vigente», ha detto venerdì in Consiglio il sindaco Gabriele Marini, «ma le risorse che verranno erogate, lo saranno sulla base di spese documentate».

La faccenda è piuttosto complessa: in pratica nel corso degli ultimi anni si erano create tensioni tra Hellas Monteforte (gestore dei campi di calcio e altre strutture pubbliche) e Comune, e tra Real BC Volley (gestore di altri impianti) e Comune alla luce della difficoltà delle società di vedersi riconosciute le spese sostenute per le migliorie apportate agli impianti.

Nel caso dell’Hellas a problema si era aggiunto problema, quello relativo alle spese sostenute dal Comune per la mancata variazione delle intestazioni dei contatori con l’entrata in vigore della convenzione per la gestione degli impianti, nel 2012.

Se ne è parlato in Consiglio perché la convenzione con Hellas scade a fine luglio e venerdì si sarebbe dovuto procedere all’approvazione del capitolato d’appalto per la gestione futura. Il punto è stato ritirato perché ai gruppi di minoranza non era stata fornita la documentazione ma l’assessore allo sport Moreno Floriani ha approfittato per riferire che la colpa del caos starebbe nella genericità delle convenzioni in scadenza e nell’assenza di chiare linee guida: «Sia l’ufficio comunale preposto, quanto le società, negli anni si sono mai interessate rispetto a quanto, alla fine di ogni anno, aveva speso il Comune e a quanto le società dovevano ritornare. Il Comune, così, oggi si ritrova a credito rispetto alle bollette, deve incamerare gli introiti di gestione e deve affrontare il grosso problema delle migliorie».

L’Hellas, al cui interno si è nel frattempo consumato un divorzio approdato nelle aule di giustizia, negli anni ha effettivamente operato delle migliorie, «ma ad un certo punto il Comune si è ritrovato con due persone che presentavano fatture e in ogni caso mai prodotte nella maniera giusta, cioè accompagnate da pezze giustificative».

Ecco spiegata la ragione dei mancati pagamenti alle società, ed il plurale si spiega col fatto che la questione migliorie interessa anche il Real Bc Volley, la cui convenzione scadrà il 30 novembre. Il Comune ha chiarito le cose con le due società impegnandosi a trovare una soluzione che sarà ossequiosa della normativa vigente e che, già si intuisce, per alcune spese si chiuderà in perdita per le società.

Tutto chiaro, dunque, o quasi: resta infatti indefinito il problema della mancata restituzione delle cauzioni per l’utilizzo degli impianti. L’Hellas aveva segnalato la questione a L’Arena e noi avevamo girato la cosa, per iscritto, all’assessore: noi parlavamo di cauzioni (mettendo in subordine la faccenda del caos impianti), mentre l’assessore qualche giorno dopo ha risposto (sempre per iscritto) riferendosi invece alle convenzioni.

Di qui l’equivoco a cui si è aggiunto anche l’errore, (del quale chi scrive si scusa con tutti) nell’aver citato il Real Monteforte al posto del Real Bc volley. P.D.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1