CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

04.12.2018

Soave diventa capitale dei presepi

Una natività realizzata da Maffeo D’Arcole
Una natività realizzata da Maffeo D’Arcole

Si respirerà ovunque l’aria frizzantina del Natale a Soave, che è pronta a diventare la capitale dei presepi dell’Est veronese. Da questo sabato e fino a domenica 20 gennaio, saranno ben 23 le Natività che si potranno incontrare lungo le strade, nelle piazze, nelle chiese, nei negozi, lungo le mura merlate, dentro due torri e nei due accessi principali alla cittadina: Porta Verona e Porta Aquila. Questo sarà un periodo ricco di appuntamenti, inseriti nella rassegna «Soave, il paese dei presepi», che prenderà il via l’ 8 dicembre. Anche quest’anno sono numerose le realtà private e di volontariato che si sono messe a disposizione per allestire presepi, organizzare eventi e rendere più luminoso e attraente il borgo medioevale. Le Botteghe di Soave, gli Amici delle Antiche Torri (con ben sette presepi realizzati), il gruppo Soave in Arte, il gruppo alpini di Soave, i comitati civici e i tanti volontari attivi nelle parrocchie e in altri sodalizi, sono fondamentali per la riuscita del suggestivo percorso natalizio. Il programma della manifestazione vedrà il borgo medioevale ospitare mostre, concerti e visite guidate. I presepi, come tradizione, saranno l’attrazione principale del periodo, con oltre una ventina di punti espositivi dislocati nel centro storico e non solo, perché sono incluse nell’itinerario anche le frazioni. Si parte sabato con i presepi esposti nelle vetrine dei negozi del centro storico chiamati «I presepi nella via» e con l’inaugurazione delle due mostre principali: «Il presepio nella cultura e nell’arte», alla chiesa di Santa Maria dei Padri Domenicani, esposizione allestita dalla Pro loco, e la mostra dei presepi Diorami, allestita nella chiesa di San Rocco fuori le mura. Entrambe le esposizioni saranno visitabili fino all’Epifania. Altri presepi troveranno poi posto nelle chiese di San Giorgio, nella parrocchiale di San Lorenzo e nel santuario della Bassanella. A rendere ancora più bello il centro storico saranno i presepi allestiti a Porta Verona, in via Roma, in piazza Antenna, in via Cangrande, nella prima torre e nella torre d’angolo, dall’associazione Amici delle Antiche Torri. Ancora, ci saranno il presepio realizzato dagli alpini a Porta Aquila e quello dei più piccoli, realizzato in piazza Mercato dei Grani dai bambini della scuola dell’infanzia Principe di Napoli. Altri presepi saranno visitabili a partire da Natale, nelle chiese parrocchiali delle frazioni di Costeggiola, Fittà, Castelcerino e Castelletto. Il programma della rassegna si completa con le varie mostre ed esposizioni che si terranno nel periodo delle festività e con gli appuntamenti musicali, quali il concerto d’organo in programma domenica 16 dicembre alle 16 nella chiesa di San Lorenzo e le esibizioni della banda Monsignor Lodovico Aldrighetti in programma il 23 e il 26 dicembre nell’auditorium della cantina Rocca Sveva, con Note di Natale. La sagra dei Rufioi di Costeggiola dal 18 gennaio, il mercatino dell’antiquariato e dell’hobbistica che si terrà domenica 16 dicembre, il mercatino della manualità e della creatività che sarà allestito domenica 9 dicembre a partire dalle 9 e infine le visite guidate al centro storico, saranno gli ulteriori appuntamenti di un programma nutrito e variegato che, come negli anni passati, attrarrà migliaia e migliaia di visitatori. «Anche quest’anno si è cercato di coinvolgere tante realtà, per far sì che Soave si trasformi in un museo a cielo aperto», commenta il presidente della Pro loco di Soave, Roberto Ferroli, «per cui dobbiamo ringraziare tutti coloro che si sono messi a disposizione per l’allestimento delle varie installazioni natalizie e per tenere aperte le mostre nei giorni feriali e anche durante le festività. Soave sarà una meraviglia per i visitatori e per chi ci abita». •

Zeno Martini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1