CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

03.02.2018

Presenze inquietanti: vecchie e nuove droghe

Secondo appuntamento del ciclo «Dopocena a Soave... per promuovere la salute», organizzato dagli assessorati ai servizi sociali e pari opportunità del Comune, dai club Acat del Veronese orientale e dall’Ulss 9. Martedì prossimo alle 20,30, nella sala delle feste di Palazzo del Capitano, sede municipale, il direttore del Serd di Soave, dottor Camillo Smacchia, parlerà di «Presenze inquietanti, le vecchie e le nuove droghe». SUCCESSIVAMENTE verranno affrontate in altre tre serate la dipendenza da alcool (martedì 20 febbraio), la dipendenza dal gioco d’azzardo (martedì 13 marzo) e la violenza nelle relazione affettive (martedì 10 aprile). Per la prima volta, tematiche così di attualità e difficili da ammettere da parte di chi ne è colpito direttamente, vengono affrontate in sinergia tra l’amministrazione comunale, Ulss 9 e i club Acat del Veronese orientale. «Più precocemente si comincia ad assumere sostanze e più si compromette lo sviluppo cerebrale», spiega Flaviana Conforto, servitore insegnante del club Acat di Soave, responsabile nazionale dell’associazione Camminando Insieme e promotrice degli incontri «Dopocena a Soave». «E lo sviluppo viene rallentato, se non addirittura bloccato da alcool e droghe. Prima si comincia inoltre ed il legame con lo stupefacente diventa di difficile soluzione». Z.M.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1