CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

05.03.2018

Piccoli giornalisti pubblicano a scuola la testata Bla bla bla

Piccoli giornalisti crescono tra i banchi di scuola. Un gruppetto di studenti della media soavese, affascinati dal mondo dell’informazione, si sono trasformati in redattori e cronisti in erba ed hanno da poco pubblicato il primo numero del periodico nato in classe e diffuso tra compagni e docenti. La scuola media Benedetto Dal Bene di Soave da quest’anno ha attivato la settimana corta, con orario delle lezioni che vanno dalle 8 alle 14, dal lunedì al venerdì, mentre il sabato gli alunni rimangono a casa. Sempre da quest’anno, è stato anche avviato un servizio di doposcuola, per ampliare l’offerta formativa scolastica, cercando di andare incontro alle famiglie che hanno l’esigenza di un servizio prolungato dell’orario scolastico, fino alle 16. Le attività di doposcuola, sono state affidate e vengono gestite dalla cooperativa L’Alveare e consistono in attività di laboratorio periodiche. Alcuni esempi sono il gioco degli scacchi, la scrittura creativa, il teatro forum e la psicomotricità. Nel doposcuola, si tiene anche il laboratorio di giornalismo che, a differenza degli altri, avrà una durata annuale, con l’obiettivo di realizzare almeno due pubblicazioni del periodico scolastico, nel corso dell’anno. Il primo numero del giornalino scolastico è già stato redatto ed è appena stato pubblicato. I ragazzi frequentanti il laboratorio pomeridiano, che sono stati organizzati come una vera a propria redazione, hanno scritto articoli su argomenti di loro interesse, cercando di coinvolgere anche gli altri alunni dell’istituto, che non prendono parte all’attività pomeridiana. Il giornalino scolastico è seguito da Michele Iseppi, della cooperativa L’Alveare. Il nome scelto per la nuova testata è Bla Bla Bla. Nel primo numero di Bla Bla Bla, gli studenti soavesi sono partiti dall’interno della scuola, guardando proprio all’ambiente scolastico ed hanno cercato di esprimere, attraverso gli articoli, i loro desideri e le loro proposte, su come vorrebbero usare o migliorare gli spazi della scuola media. •

Z.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1