CHIUDI
CHIUDI

02.01.2019

Materiali da riciclo danno origine a micro natività

Il Natale della generazione 2.0 passa dalla tradizione e dai materiali di recupero: come già avevano fatto nel Natale 2017, gli studenti della scuola media Benedetto Dal Bene di Soave, coordinati dagli insegnanti di tecnologia Giorgia Nuvoloni e Giuseppe Oceano, hanno dato il loro contributo fattivo al percorso «Soave, il paese dei presepi». I ragazzi di tutte le classi della scuola media hanno realizzato una sessantina di micropresepi o, come sono stati chiamati nel progetto didattico, «Presepi del riciclo quotidiano». Si tratta di piccole Natività, elaborate in classe dai ragazzi utilizzando tappi di sughero, scatolette del te, gli involucri e gli imballaggi delle uova, stuzzicadenti, bottoni di plastica, cannucce, bottiglie i plastica e residui di materiale elettrico e preso da strumenti elettronici. Il tutto, assemblato dagli studenti, indipendentemente dal loro credo religioso o dalla fede che professa la loro famiglia, è diventato un mostra nella mostra. I presepi del riciclo quotidiano sono infatti stati esposti in uno spazio apposito all’interno della mostra dei «Presepi nella cultura e nell’arte», dentro la chiesa di Santa Maria dei Padri Domenicani. A parere degli insegnanti Nuvoloni ed Oceano, il primo parametro utile a decretare il successo dell’iniziativa è stato innanzitutto la partecipazione. «I ragazzi hanno lavorato con entusiasmo, indipendentemente dalla loro provenienza culturale e dal credo religioso», spiegano i due insegnanti di tecnologia, «a testimonianza che una festa come il Natale è una festa di comunità e non di un gruppo culturale. Il Natale è una ricorrenza dove l’identità è da considerare punto di comunanza, piuttosto che occasione per segnare elementi distintivi». «Gli studenti che compongono la scuola, provengono da una società multiculturale, così come lo è la scuola e la diversità, segna dei sostanziali punti di confronto», concludono Nuvoloni e Oceano. Insomma il Natale accomuna tutti e i simboli del Natale, come il presepio, si apprendono fin da piccoli stando sui banchi di scuola, al di là delle appartenenze. •

Z.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1