CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

18.07.2018

Castelcerino in festa per la sua sagra con musica e show

La frazione di Castelcerino è agghindata a festa questa settimana, per accogliere ospiti e visitatori in occasione della 136esima edizione della sagra patronale di Santa Maria Maddalena, titolare della chiesa parrocchiale della frazione soavese e patrona della comunità. La manifestazione è promossa dal locale comitato di frazione da domani a lunedì, nella nuova piazza del paese. La prima serata, domani alle 21, sarà all’insegna del teatro amatoriale comico. Si esibirà infatti il gruppo teatrale I soliti ignoti di Arcole, che proporrà lo spettacolo L’evoluzione. La compagnia ha partecipato a una recente puntata della trasmissione televisiva La Corrida, presentata da Carlo Conti e trasmessa in diretta su Rai Uno. Venerdì, dalle 20 dai chioschi della sagra, si potrà partecipare alla biciclettata in notturna, che si snoderà sui colli del Soave Classico. Info e iscrizioni telefonando ad Ilaria Veronese al 392.7884246. Nei tre giorni successivi, grandi orchestre saliranno sui colli di Castelcerino dalle 21, per animare le serate danzanti: si balla su un’ampia pista in acciaio. Sabato si esibirà il complesso di Ornella Nicolini, domenica suonerà sul palco Gigio Valentino a la sua band, mentre lunedì chiuderà le danze il gruppo di Selena Valle. Ogni sera dalle 19, aprirà la pesca di beneficenza, una fornitissima enoteca e il chiosco per cenare a base di specialità caserecce. Nei quattro giorni saranno anche allestite mostre d’arte e di storia locale. In particolare, nella sala parrocchiale castelcerinese, da domani a lunedì, si portà visitare la mostra con vendita a scopo benefico intitolata Perle d’amore per l’Africa degli ultimi. L’orario di apertura al pubblico è dalle 18,30 alle 23,30. In mostra si troveranno quadri di una collezione privata e messi in vendita. L’incasso andrà a sostegno della missione di padre Giovanni Girardi, comboniano che opera ad Yrol, cittadina nello stato del Sud Sudan, in Africa. Qui, ad Yrol, padre Girardi sta tentando di costruire una scuola per alfabetizzare i figli dei malati di lebbra. •

Z.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1