CHIUDI
CHIUDI

21.10.2014

Lonardi spiega «Il dono delle parole» in letteratura

L'assessorato alla Cultura di San Bonifacio, il vicesindaco Mario Nogara, in collaborazione con il locale circolo Auser università itinerante, ha organizzato per domani alle 15.30 alla sala civica Barbarani di San Bonifacio, un incontro per presentare il volume «Il dono delle parole», una raccolta di studi vari, offerti dagli allievi al professor Gilberto Lonardi, uno dei maggiori studiosi di Leopardi, Montale e Manzoni. A tale incontro saranno presenti il preside dell'istituto «Guarino Veronese», Maurizio Bianchi e il preside dell'Istituto «Dal Cero», Silvana Sartori.
Il professor Lonardi ha insegnato dal 1964 al 1968 all'istituto magistrale «Guarino Veronese» e dal 1968 è stato per oltre quarant'anni docente di letteratura italiana all'Università di Verona.
Tra i suoi scritti, «Leopardismo, saggio sugli usi di Leopardi dall'Otto al Novecento, «Il vecchio e il giovane e altri studi su Montale», «Ermenegarda e il pirata, Manzoni dramma epico, Melodramma», «Il fiore dell'addio, Leonora, Manrico e altri fantasmi del Melodramma nella poesia di Montale» (premio Val di Comino, premio Angelini, premio Imola «Le vie della critica»), «L'oro di Omero, l'Iliade, Saffo: antichissimi di Leopardi», Winston Churchill e il bulldog, la Ballata e altri saggi montaliani». Il professor Lonardi è membro del comitato scientifico del Centro nazionale di studi leopardiani.
Il libro «Il dono delle parole» è una testimonianza degli stimoli che il professor Lonardi ha offerto a coloro che hanno cercato in lui una guida. Gli autori della modernità letteraria qui analizzati riflettono disparati interessi critici e rientrano nell'ambito del suo magistero.G.B.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1