CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

14.09.2017

Il pestaggio al parco
Signorato critica Provoli

Sul grave episodio accaduto la sera del 25 agosto a San Bonifacio, al parco del quartiere Fontanelle (tre rumeni ubriachi hanno pestato un ragazzo di 21 anni che su una panchina stava discutendo con alcuni amici), il consigliere comunale Alessandro Signorato (ex Lega) commenta le preoccupate dichiarazioni del sindaco Gianpaolo Provoli all’indomani del fatto.«È un fatto molto grave e basta», dice, «e ricordo che l'anno scorso due donne nella frazione di Prova vennero aggredite da un immigrato: anche allora il sindaco disse che si trattava di un caso isolato. Poi però ci sono stati altri casi più o meno gravi fino ad arrivare a quest'ultimo. Un inaccettabile episodio: ricordo che i nostri giovani, oltre all'aggressione, si sono sentiti dire pure Italiani di m... Non ci sono parole... Molte zone di San Bonifacio sono a rischio sicurezza: penso alla stazione, dove i carabieri hanno intensificato i controlli, ai Quartieri Ambrosini, Praissola e alle frazioni». «La situazione», aggiunge Signorato, «sta degenerando. San Bonifacio è tra i comuni con la più alta concentrazione di immigrati che, tra l'altro, sono in aumento e in più si sono aggiunti cinquanta profughi. Preoccupano molto le parole di Provoli secondo il quale questi sono casi isolati: preoccupa questo continuo buonismo. Io dico che questi sono episodi molto gravi e che si ripetono sempre più spesso. I cittadini non si sentono più al sicuro ma evidentemente per questa amministrazione il problema non sussiste. A mio avviso urgono interventi e soluzioni molto drastiche in merito». G.B..

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1