CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.03.2014

La prima medicina è il mangiare sano parola di farmacista

Serata con lo «spesial», domani alle 20.30 in sala civica a Vestenanova. Il dottor Giuseppe Colalto, noto farmacista della Val d'Alpone, nelle vesti di esperto botanico ed erborista, proporrà «Il cibo come prima medicina» indicando la strada per riappropriarsi di quelle tradizioni alimentari che, soprattutto in campagna, costituivano una sana e genuina alimentazione quotidiana, ormai soppiantata dai prodotti industriali della grande distribuzione, catapultati sulle tavole negli ultimi decenni.
Nel corso della serata il farmacista, esperto in cure con prodotti naturali, oltre a simpatici spunti di condotta alimentare per vivere bene e non incorrere in errori nutrizionali troppo spesso causa delle malattie tipiche del nostro tempo, fornirà un semplice vademecum scritto di «regole utili» da applicare a tavola.
A suo dire, il segreto dello star bene è chiuso in due parole semplici quanto impegnative: «orto e punaro» (pollaio). A significare che solo chi coltiva gli ortaggi e alleva il pollame per proprio uso e consumo, sa cosa mangia e dunque investe sulla propria salute.
A Vestenanova, come in tutta la Lessinia orientale e in Val d'Alpone, l'uso delle erbe officinali è una tradizione che si rifà alla figura del «prete da Sprea», parroco ed erborista morto 60 anni fa, la cui fama, nella prima metà del secolo scorso, ha richiamato tanta gente dalle valli e dalla città, in cerca di sollievo dai mali del corpo e della mente, con costi sostenibili, fatti di semplici offerte a San Rocco nella chiesa della frazione di Badia.
La serata è il terzo incontro culturale promosso dall'Unità pastorale della Lessinia orientale, in collaborazione con l'assessorato alla cultura, l'associazione Aido del Comune di Vestenanova, i donatori dell'Avis di San Giovanni Ilarione e Vestenanova, l'associazione Noi Lessinia Orientale e con il contributo della Cassa rurale di Vestenanova.M.G.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1