CHIUDI
CHIUDI

11.02.2019

Il mondo del calcio saluta il piccolo Elia

Lo striscione esposto allo stadio Arechi dai tifosi della Salernitana
Lo striscione esposto allo stadio Arechi dai tifosi della Salernitana

Commozione e partecipazione: la scomparsa di Elia Rizzotti, l’undicenne morto per un virus, ha impressionato il mondo del calcio. In tanti, ieri, hanno voluto ricordare la sua innocenza, l’entusiasmo, la sua passione per il calcio - giocava nel Colognola, mai un allenamento saltato - e il suo orgoglio per l’Hellas. Se allo stadio Arechi, nell’ anticipo del derby con il Benevento, i tifosi della Salernitana, che non amano i gialloblù, avevano lo striscione «Tragedie così non hanno colore. Rip (riposa in pace, ndr) Elia. Salerno ti rende onore», ieri nella curva della Sampdoria c’era un «Ciao piccolo Elia». E tante squadre giovanili del Veronese hanno ricordato con una maglia, un coro, il lutto al braccio Elia. Non c’è stato bisogno che si muovessero dirigenti: è stata una partecipazione spontanea, velata di tristezza ma anche di gioia sapendolo lassù a giocare nel prato preparato per lui dal Cielo, com’era stato detto ai funerali di sabato nella chiesa di San Pietro di Lavagno incapace di contenere tutti coloro che avrebbero voluto stringersi attorno a mamma Claudia, papà Thomas e al fratello Mattia, partecipare all’abbraccio dei suoi compagni di prima media alla Don Milani o di squadra. Sabato, al termine del funerale, prima di lasciare salire in cielo i palloncini bianchi, giallo e blu, un gruppo di tifosi dell’Hellas ha intonato il coro che il Bentegodi riserva ai tifosi morti prematuramente: «Per sempre voleremo in alto, sempre in alto fin lassù, lassù nel ciel, insieme a voi, perché il Verona noi amiam, forza alè Verona, forza gialloblu. Noi siamo le brigate e seguiam soltanto voi». E ieri sera, dopo un minuto dall’inizio della partita dell’Hellas al Bentegodi contro il Crotone, è partito un lunghissimo applauso. La curva sud, che ha esposto uno striscione per Elia, ha intonato il canto per i butei scomparsi, e poi il coro «Sempre con noi, Elia sempre con noi». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1