CHIUDI
CHIUDI

09.01.2019

Più fondi alle materne con il «fattore famiglia»

L’assessore Laura Stizzoli
L’assessore Laura Stizzoli

Essendo in scadenza alla fine del 2018, il Consiglio comunale, con voti unanimi, ha rinnovato, per il triennio dal 2019 al 2021, le convenzioni tra Comune e le tre scuole d’infanzia paritarie del paese che, dall’inizio dell’anno educativo, hanno registrato un aumento di iscritti del 10 per cento. Come dice la convenzione, complessivamente le tre scuole materne riceveranno ogni anno dal Comune 170 mila euro. L’amministrazione ha deciso infatti un aumento di 15 mila euro, rispetto ai contributi dell’accordo del triennio precedente, che erano pari a 155 mila euro l’anno. La ripartizione del contributo comunale avverrà sulla base del numero dei bimbi iscritti. Così, la scuola d’infanzia con nido integrato Don Gaetano Provoli di Caldiero percepirà 77.500 euro l’anno. La materna con nido integrato Maria Bambina di Caldierino riceverà 44.500 euro, mentre la scuola d’infanzia Maria Immacolata di Stra’ avrà dall’ente locale 40.500 euro. «A questi contributi verranno aggiunti 7.500 euro, il cosiddetto fattore famiglia», ha spiegato l’assessore ai Servizi sociali Laura Stizzoli, «che viene introdotto per la prima volta. Questi soldi saranno assegnati dal Comune alle tre scuole per interventi di ordinaria gestione». •

Z.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1