CHIUDI
CHIUDI

04.01.2019

In fiamme anche i ricordi spiacevoli del 2018

«E se bruciassimo la vecia» è il titolo dell'iniziativa aperta ai residenti di Caldiero e della frazione di Caldierino, che si terrà domenica, nella festa dell'Epifania. La manifestazione è stata voluta e organizzata dal gruppo adolescenti e animatori di Caldierino, con il circolo Noi di Caldierino e in collaborazione con la Pro loco di Caldiero. Alle 16 è fissato il ritrovo in oratorio parrocchiale a Caldierino, dove ci sarà musica, karaoke e merenda a base di pandoro, te caldo e vin brulè. Alle 17 si accenderà il falò per bruciare la vecia: in caso di pioggia, il briolo si farà comunque e si potrà assistere al rogo da sotto le tettoia polifunzionale. Ognuno potrà scrivere in un biglietto ciò che vuole venga bruciato con la vecia: tutti i biglietti verranno raccolti e posti dentro un sacco. I partecipanti potranno contribuire alla coreografia del falò, indossando attorno alla catasta di legna da ardere un indumento che mette la vecia o imitandola, ad esempio con una maschera, un fazzoletto in testa, o una gonna lunga. Nel corso del pomeriggio si potrà rinnovare la tessera del Noi e ci si potrà iscrivere alla Montefortiana, la manifestazione podistica di Sant'Antonio Abate, di domenica 20 a Monteforte.

Z.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1