CHIUDI
CHIUDI

14.01.2019

Troppe aggressioni, gli accertatori della sosta gireranno con la body-cam

La body cam in dotazione agli accertatori (Marchiori)
La body cam in dotazione agli accertatori (Marchiori)

Troppe aggressioni agli accertatori della sosta: a Verona arrivano le body cam che saranno indossata dai 20 operatori di Amt, la municipalizzata dal Comune scaligero che si occupa della gestione dei parcheggi e della sosta sugli stalli blu. Il dispositivo in dotazione agli accertatori (tra i quali tre donne) potrà essere accesa in ogni istante in caso di emergenza.

«Ci sono stata aggressioni verbali più frequenti, fortunatamente non fisiche - ha spiegato il presidente di Amt - Francesco Barini - così, dopo un iter durato sei mesi, abbiamo ricevuto l’autorizzazione a procedere da parte del Garante per la privacy, e Verona diventa uno dei primi comuni in Italia ad avere questa dotazione per attività lavorative pubbliche non legate alla sicurezza pubblica».

In caso di aggressione i filmati saranno eventualmente utilizzati dall’azienda in sede giudiziaria.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1