CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

27.02.2018 Tags: Smart City , Italia , Verona , Roma , Alberto Schonsberg , Luigi Giacalone , Bruno Pezzuto , Giuseppe Neri

Semaforo sempre
verde per il 118
«Primi in Italia»

La presentazione dell'iniziativa
La presentazione dell'iniziativa

Presentazione in piazza Bra per l'iniziativa veronese, annunciata nei giorni scorsi, che darà semaforo sempre verde per i mezzi di emergenza del Suem 118 che viaggiano in codice rosso all’interno del territorio comunale.

A Verona, prima città in Italia, è possibile grazie a «VAI 118- Viabilità Assistita Intelligente», l’innovativo sistema di preferenziamento semaforico per i servizi d’emergenza, a vantaggio della sicurezza stradale ma soprattutto dei cittadini che necessitano di cure urgenti.

Predisposta dalla Centrale della Mobilità del Comune, la funzione telematica è già attiva sui 62 impianti semaforici presenti nelle principali direttrici che portano ai due poli ospedalieri; entro l’anno il servizio coprirà l’intero territorio comunale, con tutti i 160 semafori connessi alla Centrale.

 

Alla base della funzione, vi è il dialogo costante tra le due centrali operative, quella comunale della Mobilità, con sede in via Galtarossa, e quella del Suem 118, al policlinico di Borgo Roma. Grazie ai palmari presenti a bordo, ambulanze e mezzi di soccorso in servizio sono costantemente monitorati dalla Centrale Suem, che ne segue tutti gli spostamenti in tempo reale. Il servizio VAI 118 entra in funzione nei casi di emergenza, quando cioè il Suem 118 assegna ad un’ambulanza una missione in codice rosso.

«Dopo tre anni di progettazione, finalmente siamo operativi» – ha commentato il direttore Schonsberg-. «Un servizio che tutti i 118 d’Italia ci invidieranno, perché tutela gli autisti dei mezzi ma anche i trasportati, basti pensare che per ogni semaforo si possono guadagnare dai 3 agli 8 secondi».

Puoi leggere anche

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1