CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

08.11.2018 Tags: San Massimo , San Massimo , Lorenza Costantino

San Massimo,
il parco ostaggio
delle baby gang

Degrado al parco di San Massimo (Marchiori)
Degrado al parco di San Massimo (Marchiori)

Il suo nome, «Cuore verde», evoca l’immagine di prati curati e alberi frondosi, dove trovare panchine su cui rilassarsi e giostrine per far divertire i bimbi. Questo è ciò che potrebbe essere, ma in realtà non è, il parco giochi di San Massimo, cui si accede da via 24 Giugno. Da molto tempo, infatti, il giardino pubblico è ostaggio di compagnie di giovani che lo hanno eletto a «base» per la compravendita di droga leggera, consumo di alcolici e, più in generale, a sfogatoio delle proprie intemperanze: dalle urla notturne agli atti vandalici, dal lancio di rifiuti alle aggressioni verbali verso chi si permette di criticare la loro condotta.

 

Il risultato è un prato disseminato di piccoli rifiuti, nonché giostrine e recinzione circostante rotte. Non solo. Qualche membro della baby-gang possiede cani di grossa taglia che, come testimoniano molti abitanti di San Massimo, vengono introdotti nel parco giochi e lasciati liberi.

 

Lorenza Costantino

Puoi leggere anche

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1